“5G illegale”. Tribunale de L’Aja, 21 Aprile processo contro il Governo d’Olanda

di Susan Foster e Martine Vriens (Children’s Healt Defense)

Il gruppo olandese Stop5G Olanda ha presentato un’ingiunzione contro lo Stato olandese il 25 febbraio 2020, invocando una procedura di emergenza per fermare il lancio del 5G. Questa causa si unisce a un crescente corpo di controversie contro i governi di tutto il mondo, compresa la causa per la difesa della salute dei bambini negli Stati Uniti, per proteggere la salute di cittadini, della fauna selvatica e dell’habitat naturale dai provati danni delle radiazioni della tecnologia wireless e ora 5G.

Per molti anni, grandi gruppi di cittadini, in tutto il mondo, compresi i Paesi Bassi, hanno lavorato per aumentare la consapevolezza degli effetti dannosi dei campi elettromagnetici e delle radiazioni e chiedono costantemente ai loro governi di proteggere la salute dei loro cittadini. Nei Paesi Bassi, come in altre parti del mondo, i loro interrogativi rimangono senza risposta.

Martine Vriens, avvocato per i diritti umani e consulente legale di Stop5GPaesi Bassi, sottolinea che il lancio del 5G costituisce una grave violazione dei nostri diritti umani fondamentali. Dice: “Lo stato ha l’obbligo di garantire la salute dei suoi cittadini e non riesce a farlo con il lancio del 5G. Ci sono troppi studi che mostrano gravi danni alla salute dovuti all’esposizione a questa radiazione. È illegale che il governo esponga la popolazione olandese a un rischio così elevato ”.

Stop5GPaesi Bassi hanno richiesto una moratoria sull’introduzione del 5G. Prima di presentare la causa, hanno inviato una lettera di convocazione al Ministro degli Affari economici, con la richiesta di fermare il 5G. La risposta, o la sua mancanza, era prevedibile. “Poiché il ministero non ha soddisfatto la nostra richiesta, abbiamo avviato la procedura sommaria“, spiega Martine Vriens. Stop5GPaesi Bassi ha assunto responsabilità altamente qualificate e avvocati amministrativi per condurre questo processo. L’audizione si svolgerà il 21 aprile 2020, a L’Aia.

Ogni generazione di wireless negli ultimi quattro decenni ha aumentato l’esposizione delle radiazioni ai cittadini di tutto il mondo. Ma non c’è mai stato un cambiamento così profondo nell’infrastruttura wireless come con l’introduzione del 5G. 5G è l’infrastruttura per l’Internet of Things, l’Intelligenza Artificiale e le auto senza conducente. Interconnesserà in modalità wireless decine di miliardi di dispositivi in ​​più, dispiegherà milioni di antenne a “piccola cellula” vicino alle nostre case e utilizzerà decine di migliaia di satelliti per irradiare radiazioni Wi-Fi a microonde in ogni angolo del pianeta.

Stop5GPaesi Bassi afferma che il governo olandese si nasconde dietro le linee guida ICNIRP sulla “sicurezza” che non proteggono l’uomo o la fauna selvatica dagli effetti dannosi delle tecnologie e delle radiazioni basate su RF e microonde. Le linee guida ICNIRP, proprio come le linee guida FCC statunitensi, proteggono solo dagli effetti termici e ignorano le migliaia di studi scientifici sottoposti a revisione paritaria che provano i danni dei livelli non termici di questa radiazione. Stanno anche ignorando gli effetti ben consolidati della pulsazione e della modulazione dei segnali per il trasporto dei dati. Le linee guida sono decenni obsolete. La crescente evidenza umana di malattia, che è già in scala epidemica, ne è una prova. Con l’introduzione del 5G e l’aumento dell’intensità delle radiazioni, l’impatto sulle persone e sull’ambiente sarà enorme.

ICNIRP, si presenta come un no profit indipendente che offre consulenza scientifica e presume di stabilire uno standard di radiazione non ionizzante “protettivo”. In realtà, ICNIRP è un gruppo di membri amichevoli dell’industria delle telecomunicazioni, che personifica la volpe che osserva il pollaio. Non sorprende che l’ICNIRP abbia recentemente assunto la posizione secondo la quale il 5G non ha bisogno di essere studiato. In una recente decisione del tribunale, una corte d’appello in Italia ha confermato che il tumore al cervello con neuroma acustico di un operatore di telecomunicazioni era causato dal suo telefono cellulare. La Corte ha inoltre affermato che gli studi condotti dagli scienziati dell’ICNIRP sono di parte perché le relazioni dell’ICNIRPS con l’industria delle telecomunicazioni.

Il governo olandese, incoraggiato dai lobbisti delle telecomunicazioni e dall’ICNIRP, protegge solo dagli effetti dei livelli termici di radiazione, come ustioni, urti e colpi di calore (effetti di riscaldamento). Non riescono a proteggere l’uomo e la fauna selvatica dal quadro molto più ampio e rilevante di effetti non termici come danni al DNA, cancro, permeazione della barriera emato-encefalica, problemi del sistema immunitario, malattie neurodegenerative ed effetti neurologici diffusi come disturbi del sonno, problemi cognitivi e della memoria , mal di testa, palpitazioni cardiache e altri effetti cardiovascolari ed effetti uditivi

L’incapacità dei governi di tutto il mondo di proteggere i loro cittadini dagli effetti dannosi della tecnologia wireless, la loro dipendenza dalle linee guida promosse dall’industria delle telecomunicazioni, la loro negazione della crescente malattia da questa tecnologia e il lancio aggressivo del 5G, sono la ragione per cui attivisti di base, scienziati , avvocati e medici stanno donando il loro tempo per combattere il 5G in tutto il mondo.

Stop5GPaesi Bassi sta seguendo le orme di gruppi di cittadini negli Stati Uniti, in Danimarca e in Francia, che chiedono ai tribunali di ritenere il governo responsabile della salute dei loro cittadini.

Negli Stati Uniti, la difesa della salute dei bambini di Robert F. Kennedy Jrha recentemente citato in giudizio la Federal Communication Commission (FCC) per aver rifiutato di rivedere le linee guida di 25 anni che proprio come le linee guida dell’ICNIRP, e nonostante prove chiare, scientifiche e umano, nega effetti sulla salute non termici

Robert F. Kennedy, la difesa della salute dei bambini di Jr. ha presentato il loro caso contro il governo degli Stati Uniti per non aver protetto i suoi cittadini, dato il rifiuto della FCC di rivedere le loro linee guida di 25 anni. Petition for Review del CHD sostiene che le azioni dell’agenzia sono capricciose, arbitrarie, non basate su prove e abuso di discrezionalità. La petizione è stata depositata il 2 febbraio 2020 presso la Corte d’appello degli Stati Uniti per il nono circuito.

I gruppi Stop 5G in tutto il mondo stanno comunicando, stanno condividendo la scienza, si stanno incoraggiando a vicenda, non cercano altro che equità e il diritto per le loro famiglie e i loro vicini di essere al sicuro nelle loro case, nei loro luoghi di lavoro e adorazione e nelle scuole frequentano i loro figli.

Le sagge parole dell’ex procuratore generale degli Stati Uniti, Robert F. Kennedy, sembrano particolarmente a proposito:

“Ogni volta che un uomo si batte per un ideale, o agisce per migliorare la maggior parte degli altri, o si batte contro l’ingiustizia, emette una piccola ondulazione di speranza e si incrociano da un milione di diversi centri di energia e audacia, quelli le increspature costruiscono una corrente che può spazzare giù le pareti più potenti dell’oppressione e della resistenza . “

2 commenti

  1. E in Italia a che punto siamo? Come possiamo agire più incisivamente per fare smontare tutto e fare pagare loro danni materiali e morali. Nel giro di pochi centinaia di metri ho tre antenne 5G e nessuno mi ha chiesto un parere . Padova

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...