Medicina Omeopatica, sotto attacco come non mai. Ma cosa (davvero) ne sappiamo? E’ efficace eccome! Parliamone…..

foto_omeopatia-530x251[1]

di Maurizio Cannizzaro

La Medicina Omeopatica è una medicina millenaria, i cui principi sono stati ampiamente confermati dalla pratica clinica. L’origine del suo principio cardine, la Legge di Similitudine, risale a circa 2200 anni fa, intorno al 200 A.C., quando il medico Ippocrate ne sintetizzò il concetto nella frase : Similia Similibus Curentur. Il Simile cura il simile.

 

Tra i molti esempi che Ippocrate ci lascia a testimonianza della Legge di Similitudine, vi è un epidemia di colera, che affronta e risolve con piante scelte nel rispetto della similitudine. Piante che assunte in pieno benessere, determinano i sintomi del colera, e nella fase di malattia la piena guarigione.

omeopatia (1)

Ma ancor prima di Ippocrate, negli antichi testi Induisti dei Veda, opere di filosofia e spiritualità, ci sono esempi di terapie con piante secondo la legge di similitudine. Vi sono riportati anche esempi di quanti evitarono la morte per avvelenamento, facendo uso di piccole dosi di quel veleno. L’utilizzo del veleno, nelle lotte politiche interne e non solo, ha sempre fatto parte delle strategie per la conquista del potere. Anche in epoca Romana, era ben conosciuta la possibilità di potersi difendere dall’avvelenamento, abituando il corpo con piccole quantità quotidiane.

GEOPATIE, ELETTROSMOG: RILEVAZIONI GRATUITE CON OASI SANA

Abbiamo brevemente introdotto due principi fondamentali della medicina omeopatica: la legge di Similitudine e le Piccole quantità. Le piccole quantità furono argomento di studio e approfondimento da parte di Paracelso, medico vissuto tra il 1500 e 1600, che dimostrò sufficientemente curativi anche piccoli dosaggi, evitando cosi’ gli effetti dannosi di alcune piante tossiche per l’organismo umano. Fu poi Samuel Hannhemann che agli inizi dell ‘800, riprendendo i lavori di Paracelso sulle piccole quantità, riuscì a dimostrare scientificamente che si poteva arrivare anche a dosaggi infinitesimali mantenendo ancora valida l’azione terapeutica.

 

Troviamo inaspettetamente che i principi di Similitudine e delle Piccole dosi, sono utilizzati da una pratica terapeutica molto diffusa : la vaccinazione. Le piccole dosi del germe, batterio o virus, vengono utilizzate per combattere per Similitudine quello specifico batterio o virus di cui vogliamo evitare la malattia.

SOSTIENI OASI SANA

cropped-cropped-cropped-oasisana-000.jpg

Non ritroviamo in tale pratica vaccinale l ‘applicazione della legge di similitudine nella sua interezza, così come nella medicina omeopatica, ma solo limitatamente alla similitudine dei germi. Non ritroviamo la Similitudine di tutto il corteo sintomatologico di quella data malattia, da cui vogliamo difenderci, perché ogni individuo sviluppa in modo specifico ed individualizzato la propria personale malattia. Nella Legge di Similitudine sono considerati non solo le cause (ad esempio i germi), ma anche tutti gli aspetti Fisici, Biotipologici, Mentali, Energetici, Spirituali, le modalità reattive e la storia biopatografica del paziente. Solo così un rimedio è in grado di attivare i processi di guarigione.

omeopatia (2)

Un utilizzo, della legge di similitudine, limitata solo ad un aspetto ne renderà partecipe solo una parte del corpo fisico, anziché l’interezza dell’essere umano.
Unità imprescindibile, indivisibile, nella cui totalità ogni più piccola cellula dialoga con il tutto, su diversi livelli, in una relazione dinamica e continua e partecipe contemporaneamente dell’interno e dell’esterno, con il linguaggio dell’ultrasottile, dell’elettromagnetismo, e dell’elettrochimica. La straordinaria e rivoluzionaria rivelazione della medicina omeopatica, è stata la comprensione che la legge di similitudine permetteva l’ìngresso nel misterioso mondo dell’Energetica.

Riproduzione consentita, citando fonte e autore

geopatieddddd (2)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...