Ingegnere Motorola da 30 anni, muore per tumore al cervello ma prima scrive libro testamento: chi nega il danno dice il falso!

I querelanti, Robert e Patricia Kane, hanno intentato questa causa contro gli imputati, Motorola e molti dei suoi dipendenti, sostenendo che Robert Kane ha sviluppato un tumore al cervello a seguito del test di un prototipo di antenna per un telefono cellulare quando era impiegato da Motorola come ingegnere.” Comincia così la sentenza emessa nel 2002 della Corte d’Appello dell’Illinois (USA) in favore della Motorola, multinazionale americana dell’elettronica, microprocessori e telefonia mobile fino al 2011 (suo il modello Start TAC, uscito nel 1996, uno dei telefoni cellulari più innovativi e di successo della storia).

Francia, studio dell’Agenzia nazionale di sanità sul tumore alla testa: “Aumentato di 4 volte, anche per l’elettrosmog!”

Robert Kane, al tempo 45 anni, In qualità di ricercatore e ingegnere progettista di prodotto,  è stato direttamente coinvolto in programmi e progetti per la progettazione e lo sviluppo di telefoni cellulari portatili , radiomobili a radiofrequenza, sistemi di telecomunicazioni a microonde, sistemi di visualizzazione video  e ricerca sugli effetti biologici . Aveva una laurea in ingegneria elettronica conseguita presso il Midwest College of Engineering,  con specializzazione in elettromagnetica presso l’Illinois Institute of Technology e all’Illinois Institute of Technology, completato il corso di studi e ricerca fino al dottorato di ricerca in ingegneria elettrica con specializzazione nei campi dell’elettromagnetismo e della fisica dello stato solido. Kane era un ingegnere della Motorola, in servizio da 30 anni: nel 1992 gli viene diagnosticato un tumore maligno al cervello allo stadio terminale, secondo l’ingegnere imputabile al suo lavoro in Motorola per testare i telefoni cellulari. Mi hanno usato “in un esperimento umano” – disse Kane – per testare un progetto di antenna che lo ha sottoposto a emissioni di radiofrequenze più elevate rispetto a quelle utilizzate su altri telefoni portatili. Prima di morire, nel 2001 Kane scrive un libro testamento, Telefoni cellulari, la roulette russa documentando in maniera minuziosa come l’industria sia consapevole da tempo che la scienza mostra danni, ma ha comunque manipolato il panorama scientifico per perpetuare la menzogna secondo cui i telefoni cellulari sono sicuri. Eccone alcuni stralci.

Cancro e 5G: pubblicato un nuovo studio accademico

Telefonino-cancro al cervello, dopo 21 anni inizia il maxi-processo alle multinazionali (ma alcuni querelanti sono già morti)

“Le ricerche di settore sia interne che pubblicate indicano chiaramente che gli ingegneri e gli scienziati dell’azienda sono ben consapevoli dei livelli di densità di potenza eccessivi e pericolosi a cui sono esposti gli utenti dei prodotti portatili, come i telefoni cellulari portatili”.

“I sostenitori del settore hanno lavorato a stretto contatto con i membri del comitato per ritagliare i prodotti dei trasmettitori portatili lontano da qualsiasi regolamentazione, proprio come i lobbisti e i rappresentanti delle compagnie del tabacco sono stati in grado di esentare i loro prodotti dalle varie normative agricole, farmaceutiche e ambientali”.

“Considera la risposta del WTR a Lai e Singh, Sarkar, Maes, Cleary e Verschaeve. Tutti questi ricercatori hanno riscontrato in modo indipendente danni cromosomici e al DNA come risultato dei loro esperimenti. Come ha risposto WTR? Hanno aggredito direttamente la ricerca o ridefinito la loro dichiarazione di intenti per restringere l’area di interesse in un modo che escludesse la ricerca riportata”.

“Lo standard è anche convenientemente, e artificialmente, strutturato in modo che i “punti caldi” altamente localizzati possano essere “calcolati” su un intero grammo di tessuto”

“Quindi lo standard di sicurezza ha effettivamente stabilito un livello di esposizione “sicuro” che in primo luogo consente il danneggiamento o la distruzione del tessuto cerebrale e, in secondo luogo, esenta i trasgressori più gravi. Dal 1982, lo standard IEEE/ANSI è stato ulteriormente rivisto per limitare l’assorbimento massimo a 1,6 mW/g. Anche se una tempesta di rapporti di ricerca ora scopre che i portatili superano quel livello di assorbimento delle radiazioni, non viene intrapresa alcuna azione: i portatili rimangono esenti in virtù del “nonno” della FCC dei prodotti esistenti”.

“Anche quando negli animali da laboratorio sono documentati effetti comportamentali e di altro tipo, come i tumori, una tipica risposta del settore è che i risultati non possono essere utilizzati o estrapolati all’uomo. Ma perché, allora, non sentiamo le stesse critiche espresse quando si stabiliscono presunti “livelli di sicurezza” utilizzando gli stessi animali da laboratorio?”

“Le domande che mettevano in dubbio la sicurezza dell’assorbimento di energia a radiofrequenza hanno invariabilmente risposto con la risposta dell’industria che non era stato trovato alcun collegamento tra l’esposizione alle radiazioni a radiofrequenza di basso livello e gli effetti biologici pericolosi. Naturalmente, questa è una dichiarazione falsa. Tieni presente che con i meccanismi di assorbimento sempre presenti “hot spot”, anche esposizioni alle radiazioni molto basse possono fornire assorbimenti localmente elevati all’interno del cervello“. 

Il libro è in li lingua inglese e fuori commercio, ma puoi scaricarlo gratuitamente.

Clicca qui per scaricare il libro

Sentenza Tribunale Torino conferma: tumore alla testa causato da cellulare! Giudice critica ISS e ICNIRP: conflitti d’interessi! ESCLUSIVA ASSOLUTA OASI SANA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...