Francia, studio dell’Agenzia nazionale di sanità sul tumore alla testa: “Aumentato di 4 volte, anche per l’elettrosmog!”

Alla faccia dei negazionisti del nesso elettrosmog=cancro. Alla faccia della recente meta-analisi pubblicata in Italia dall’Istituto Superiore di Sanità che minimizza il problema. Basta vedere cosa accade oltrAlpe per capire che il problema elettromagnetico sta diventando una vera e propria emergenza sanitaria planetaria, col 5G sempre più in rampa di lancio . Una nota diffusa dall’ONG francese Phonegate Alert presieduta dal medico Marc Arazi, recentemente in Italia nel riuscitissimo convegno internazionale Stop 5G promosso alla Camera dei Deputati dall’Alleanza Italiana Stop 5G con l’Alleanza Europea Stop 5G, conferma un dato allarmante: secondo l’ultimo rapporto dell’agenzia di sanità pubblica francese Santé Publique France rispetto al 2018 c’è stata un impennata di ben 4 volte del glioblastoma, maligno tumore al cervello studiato in Italia dall’Alleanza Contro il Cancro nella relazione con l’irradiazione di radiofrequenze e campi elettromagnetici. E come causa, anche in Francia ci dicono che l’elettrosmog è tra gli indiziati principali. Insomma, come si faccia ancora a negare l’evidenza e per quale motivo si continui a farlo, prima o poi qualcuno dovrà spiegarcelo.

M.M.

A luglio 2019 (aggiornato a settembre 2019), l’agenzia di sanità pubblica francese “ Santé Publique France “, insieme ai registri dei tumori Francim, agli Hospices Civils de Lyon e all’Institut National du Cancer, ha pubblicato stime nazionali sull’incidenza del cancro e sulla mortalità nella metropolitana Francia tra il 1990 e il 2018. Si basano sulla modellizzazione dei dati sull’incidenza osservata (nuovi casi) fino al 2015 da parte dei registri dei tumori, integrata da proiezioni fino al 2018.

Il volume 1 del rapporto è dedicato ai tumori solidi (27 tumori e 22 sottotipi). Tra il 1990 e il 2018, il tasso complessivo di incidenza di tumori solidi è rimasto relativamente stabile negli uomini e ha continuato ad aumentare nelle donne. Allo stesso tempo, il numero annuale di nuovi casi di glioblastoma con conferma istologica (uno dei tipi più aggressivi di cancro al cervello) è aumentato di quattro volte e di più per entrambi i sessi.

In 20 anni, il numero di glioblastomi si è moltiplicato per 4, interessando tutte le età

Santé Publique France stima che ci saranno 3.481 nuovi casi di questi glioblastomi nella Francia metropolitana nel 2018, il 58% dei quali negli uomini. Erano solo 823 nel 1990. Le tendenze relative all’età mostrano un aumento dell’incidenza indipendentemente dall’età e dal sesso tra il 1990 e il 2018.

Secondo Santé Publique France, osservazioni simili si osservano negli Stati Uniti, dove negli anni 1980-1990 è stato osservato anche un aumento dell’incidenza del glioblastoma in relazione al progresso diagnostico. Inoltre, uno studio australiano riporta una crescente incidenza di glioblastoma istologico confermato nel periodo 2000-2008.

L’esposizione alle onde è uno dei possibili fattori

In conclusione della sua analisi, Santé Publique France ritiene che i fattori estrinseci che possono svolgere un ruolo nell’aumentare l’incidenza del glioblastoma potrebbero essere:

“ Radioterapia cerebrale e possibilmente esposizione intensa e prolungata ai pesticidi (agricoltori) . Gli ultimi studi epidemiologici e gli esperimenti sugli animali sosterrebbero il ruolo cancerogeno dell’esposizione ai campi elettromagnetici “ fonte: Anthony B. Miller, L. Lloyd Morgan, Iris Udasin, Devra Lee Davis. Aggiornamento sull’epidemiologia del cancro, a seguito della valutazione IARC del 2011 sui campi elettromagnetici a radiofrequenza (Monografia 102) Ricerca ambientale. 2018. 167: 673-683.

Obbligo assoluto di proteggere bambini e giovani

Per la dott.ssa Annie Sasco, epidemiologa del cancro, ex direttore dell’unità di ricerca della IARC-OMS:

“ L’evoluzione dei tassi di incidenza e mortalità dei tumori del sistema nervoso centrale nel suo complesso e in particolare il glioblastoma negli ultimi 30 anni è di particolare preoccupazione. Naturalmente, i comportamenti diagnostici si sono evoluti e svolgono un ruolo, soprattutto per le persone anziane. Tuttavia, vi è un reale aumento, anche tra i più giovani, per il quale è probabile che le modalità diagnostiche siano cambiate meno rispetto agli anziani e che potrebbero quindi essere legate a fattori ambientali e principalmente all’uso di telefoni cellulari o wireless. L’informazione del pubblico dovrebbe consentire di non continuare su questa traiettoria ascendente, in particolare tra i giovani, con il dovere assoluto di proteggere i bambini non permettendo loro di usare un telefono cellulare e in generale proteggendoli dall’esposizione a campi elettromagnetici “.

Urgenza per le autorità pubbliche di agire di fronte a decine di migliaia di morti

Per il Dott. Marc Arazi, Presidente della Phonegate Alert:

“ Negli ultimi 2 decenni, quasi 50.000 persone sono state colpite in Francia da questo tumore cerebrale estremamente aggressivo, che ha un tasso di mortalità molto elevato. È stato anche durante questo periodo che la telefonia mobile è esplosa e gli industriali ci hanno sovraesposto consapevolmente alle onde dei nostri telefoni cellulari. Questo scandalo industriale e sanitario ha un nome, il “Phonegate”! Le autorità pubbliche non possono più negare le prove e devono proteggere urgentemente la salute di decine di milioni di utenti .

FONTE : ALERT PHONEGATE

RIPRODUZIONE CONSENTITA, CITANDO LA FONTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...