Cancro e 5G: pubblicato un nuovo studio accademico

Un’importante studio condotto recentemente da ricercatori statunitensi ed iraniani, pubblicato anche sul  Journal of Biomedical Physics and Engineering, afferma che  il danno causato dalle radiazioni 5G non può essere ignorato anzi vi sono strettissime correlazioni tra 5G e tumori. 

CLICCA QUI – LEGGI LA RICERCA IN LINGUA ORIGINALE

In telecomunicazioni, la quinta generazione (5G) è il nuovo standard tecnologico per le reti cellulari. Tuttavia, i potenziali pericoli di questa tecnologia di telecomunicazione per la salute umana e l’ambiente non sono stati ancora completamente studiati da scienziati indipendenti dall’industria. Si ritiene che l’uso diffuso della tecnologia 5G, può portare ad un aumento significativo dell’esposizione umana alla radiofrequenza campi elettromagnetici (RF-EMF). Alla luce di questa considerazione, in appello all’Unione Europea (UE), più di 180 scienziati e medici di 36 paesi hanno messo in guardia sui potenziali pericoli della tecnologia 5G [1]. Il Dr. Lennart Hardell, Professore di Oncologia all’Università di Örebro in Svezia e uno dei promotori, afferma: “L’industria delle telecomunicazioni sta cercando di implementare una tecnologia che potrebbe avere effetti molto reali, non intenzionali conseguenze dannose….. Siamo molto preoccupati che l’aumento di l’esposizione alle radiazioni del 5G porta a danni che non possono essere invertiti” [1]. Mentre un numero così elevato di esperti di diversi paesi ha firmato questo appello, è molto interessante che un autore non indipendente dall’industria delle telecomunicazioni, affermi che solo pochi le persone credono che il 5G abbia effetti negativi sulla salute “Al di là di questa considerazione e rispondendo ad alcune preoccupazioni infondate, il documento ribadisce che il 5G non avrà effetti negativi sulla salute delle persone circa che alcuni individui hanno ipotizzato” [2]. Hardell e Carlberg in la loro recente pubblicazione hanno affrontato le loro preoccupazioni sugli studi con legami con l’industriaI conflitti di interesse e i legami con l’industria sembrano hanno contribuito ai rapporti distorti” [3]. Hardell e Carlberg hanno ha anche criticato l’UE per non aver accolto un appello all’UE che è attualmente approvato da più di 390 scienziati e medici chiedendo una moratoria sulla diffusione del 5G fino a quando non sarà stata condotta un’adeguata valutazione scientifica dei potenziali effetti negativi sulla salute [3]. L’esposizione ad alti livelli di campi elettromagnetici a radiofrequenza è stata dimostrato di essere dannoso per l’uomo e l’ambiente. Nonostante un grande corpo di prove, ci sono ancora scienziati [4] che affermano che ci non ci sono prove scientifiche a sostegno di un potenziale collegamento tra il 5G e il rischio di tumori maligni come il cancro della pelle “Sono state sollevate preoccupazioni sui forum online e nella letteratura scientifica riguardo a un collegamento tra 5G e il cancro della pelle [5], nonostante l’assenza di prove scientifiche” [6]. È davvero sorprendente che Rafferty et al., hanno citato un rapporto pubblicato sul New York Times (NYT) a sostegno della loro affermazione su un articolo di Mehdizadeh e Mortazavi che affronta le basi teoriche della potenziale associazione tra 5G e cancro della pelle. Questo rapporto del NYT è stato seriamente criticato da Mehdizadeh e Mortazavi, come segue: “Purtroppo, l’approccio del New York Times in questo rapporto non lo è scientifico. William J. Broad nel suo rapporto pubblicato il 16 luglio 2019 ha criticato il Dr. Bill P Curry per non considerando il cosiddetto “effetto protettivo della pelle umana”. Alcune pubblicazioni recenti hanno ha cercato di convincere i lettori che le attuali preoccupazioni sulle alte frequenze 5G non sono reali. In qualche casi, come l’articolo di Rafferty et al., numerose carenze importanti e la mancanza di esperienza degli autori in fisica e biologia dei campi elettromagnetici RF, suggerisce che questi articoli meritano una ritrattazione. Kostoff et al., [7] nel loro articolo pubblicato di recente, affermano: “La comune ‘saggezza’ presentata in la letteratura e i media affermano che, se ci sono impatti negativi derivanti dal 5G in banda alta, il i principali impatti si concentreranno sui fenomeni vicini alla superficie, come il cancro della pelle, la cataratta e altre condizioni della pelle. Tuttavia, ci sono prove che le risposte biologiche alle onde millimetriche l’irradiazione può essere iniziata all’interno della pelle e la successiva segnalazione sistemica nella pelle può provocare effetti fisiologici sul sistema nervoso, sul cuore e sul sistema immunitario” [8].

#STOP5G, il nuovo libro di Maurizio Martucci: “la verità sull’inquietante futuro digitale”

Teorie attuali sulla cancerogenesi del 5G

Il primo modello di cancerogenesi del 5G, è stato sviluppato da Mehdizadeh e Mortazavi e come mostrato nella Figura 1, le radiazioni 5G ad alta frequenza penetrano nelle cellule della pelle viventi e possono danneggiarle gravemente a causa della sua bassa penetrazione e deposizione di energia molto elevata per unità di distanza al di sotto del superficie cutanea [5]. Data questa considerazione, l’assorbimento delle radiazioni 5G nella pelle può portare alla generazione di alti livelli di radicali liberi, che a loro volta aumentano il rischio di cancro della pelle. Yakymenko et al., hanno riportato che tra 100 pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria sugli effetti ossidativi di bassa intensità radiazioni a radiofrequenza incluse nella loro revisione, 93 studi hanno dimostrato che le radiazioni a radiofrequenza effetti ossidativi indotti nei sistemi biologici [9]. Stress ossidativo causato dall’aumento dei radicali liberi, comprese le specie reattive dell’ossigeno (ROS) può svolgere un ruolo fondamentale nelle condizioni patologiche di malattie come il cancro [10-12]. Come riportato da Singh et al., i radicali liberi sono coinvolti nella patogenesi di un processo multistadio di cancerogenesi [13]. Si ritiene che i radicali liberi causino danni alla base del DNA, rotture del filamento, danni a i geni oncosoppressori e una maggiore espressione dei protooncogeni. Inoltre, il DNA i danni indotti dalle specie reattive dell’ossigeno (ROS) possono contribuire a tassi più elevati di mutazione, instabilità del genoma, apoptosi, rigenerazione tissutale associata e proliferazione cellulare [13]. Lobo et al., introducono il cancro come una malattia dei “radicali liberi” “Cancro e aterosclerosi, due cause principali di morte, sono malattie salienti dei “radicali liberi”” [14]. Sebbene lo stress ossidativo e il potenziale DNA i danni non aumentano necessariamente la possibilità di cancro, come affrontato da Kostoff et al., un aumento di ci si possono aspettare fenomeni vicino alla superficie, come il cancro della pelle e la cataratta [7]. Inoltre, Betzalel et al., hanno precedentemente sviluppato un modello di simulazione della pelle umana. Si concentra sulla struttura multistrato della pelle, e in particolare sul segmento elicoidale del condotto del sudore che funge da antenna che porta ad un alto tasso di assorbimento specifico (SAR) della pelle ad un livello estremamente alte frequenze, dove si verificano risonanze della radiazione a lunghezza d’onda corta del condotto del sudore. Basato sui risultati dei loro modelli, affermano: “Ci sono prove sufficienti per suggerire che la combinazione del condotto elicoidale del sudore e le lunghezze d’onda che si avvicinano alle dimensioni degli strati della pelle potrebbero portare agli effetti biologici non termici. Tali paure dovrebbero essere indagate e queste preoccupazioni dovrebbero [in]fluenzano anche la definizione degli standard per l’applicazione delle comunicazioni 5G” [15]. Un articolo di Tripathi et al., [16] ha esaminato in dettaglio la morfologia dei dotti sudoriferi umani osservati da tomografia a coerenza ottica. Rif. 16 hanno notato che la loro frequenza di risonanza risiede nei terahertz regione. Data la gamma di dimensioni del condotto e lunghezza d’onda della radiazione 5G, l’importanza del diventano evidenti lunghezze d’onda 5G più brevi. Ciò è supportato da Tripathi et al., suggerendo che le risonanze si verificano nei dotti sudoripari alle frequenze THz. Quando la lunghezza d’onda della radiazione non ionizzante diminuisce, l’accoppiamento di risonanza e la deposizione di energia aumenteranno. Questo fenomeno è illustrato nella Figura 1.

L’importanza dell’accoppiamento e della deposizione di energia 5G è un processo complesso. Dipende da la densità di potenza incidente, la particolare frequenza 5G e il coefficiente di assorbimento per il mezzo biologico. Anche la determinazione del coefficiente di assorbimento è complessa e dipende da un numero di fattori tra cui la frequenza angolare della radiazione 5G, la conduttività del tessuto di interesse, permittività del mezzo, costante dielettrica relativa e permeabilità del mezzo [17].Come notato nella nostra discussione, il danno causato dalle radiazioni 5G non può essere ignorato senza una valutazione approfondita del tessuto a rischio e dell’assorbimento di energia. Questa incertezza suggerisce che ulteriori studi sono giustificati e dovrebbero considerare i meccanismi proposti in questo documento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...