IL GOLPE ELETTROMAGNETICO – Svizzera, le alternative ‘virtuose’ ai 6 V/m

Settimana cruciale per l’inquinamento elettromagnetico italiano. Il Governo, con la complicità del Parlamento, vuole stracciare una delle norme più cautelative d’Europa, ovvero quella che dal 2003 fissa nei 6 V/m il limite soglia per l’irradiazione elettromagnetica per le antenne di telefonia mobile. Nonostante si tenda a voler ritenere i 61 V/m come lo standard dei valori vigenti in tutta Europa, in realtà solo Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna li adottano, a differenza di Svizzera, Italia, Austria, Belgio, Turchia e i Paesi dell’est europeo – Bulgaria, Polonia, Croazia, Slovenia – nei quali vigono limiti molto più stringenti e protettivi. Proprio la Svizzera ci offre un’alternativa, con alcune proposte vagliate anche da medici e cittadini riuniti nei comitati Stop 5G.

In Svizzera dal 2019 il gruppo di lavoro Telefonia mobile e divulgazione ha presentato al Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) un rapporto sulle esigenze e sui rischi associati alla diffusione delle reti 5G, consultate anche le associazioni dei medici per l’ambiente, seriamente preoccupati per la salute pubblica. Questa relazione, per altro senza precedenti, ha il pregio di definire le opzioni e le raccomandazioni anche in considerazione del fatto che, come in Italia, anche in Svizzera le emissioni elettromagnetiche sono fissate nel limite soglia di campo elettrico per il massimo dei 6 V/m. L’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) nel suo recente rapporto ha elencato diverse opzioni riguardanti possibili modi per rivedere al rialzo o al ribasso gli attuali standard di irraggiamento:

  • Opzione 1 (punto 8.1): status quo per quanto riguarda i requisiti sull’Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ORNI)
  • Opzione 2 (punto 8.2): nessuna modifica del valore limite dell’impianto, ma requisiti più severi nell’ORNI riguardanti celle piccole e antenne adattive (proposta di Medici a favore dell’ambiente [MfE, AefU])
  • Opzione 3 (punto 8.3): aumento e standardizzazione del valore limite dell’impianto a 6 V/m valutazione basata sul valore medio (proposta dell’Associazione svizzera delle telecomunicazioni [ASUT])
  • Opzione 4 (punto 8.4): aumento del valore limite dell’impianto a 11,5 V/m per operatore (proposta della Commissione federale delle comunicazioni [ComCom])
  • Opzione 5 (punto 8.5): innalzamento e standardizzazione del valore limite di installazione a 20 V/m (proposta ASUT)

Sulla base di queste proposte, il gruppo svizzero Stop 5G ha chiarito questi come i punti preoccupanti:

  • Le opzioni 3 e 4 prevedono una moltiplicazione della potenza delle antenne 4
  • L’ opzione 5 prevede una moltiplicazione per potenza delle antenne 16. Si dice (§8.5.3.1): “Se l’incremento del valore limite è compatibile con il principio di precauzione dell’EPL (che deve comunque essere oggetto di esame legale), può essere operato all’ORNI ed è quindi responsabilità del Consiglio federale “. Ed inoltre (§8.5.1): “L’estensione del raggio di opposizione avrà per obiettivo che non sarà necessaria alcuna nuova licenza edilizia per le successive modifiche delle stazioni, perché la cerchia delle persone che hanno capacità di opposizione non sarà non allargato. “
  • Si prevede di utilizzare metodi di calcolo basati su medie giornaliere, con l’aggiunta di fattori di correzione : “Nel calcolo dell’esposizione relativa alla parte convenzionale di un impianto si tiene conto del valore medio giornaliero. Mediante un fattore di riduzione fisso ed uniforme di 2.5 per la potenza di trasmissione. Durante il funzionamento, il rispetto del valore medio giornaliero può essere garantito da una soluzione software “.

Punti positivi: §9.1.11 “[…] Un’architettura e una tipologia di rete adattate alle condizioni urbane possono essere strutturate come segue:

  • Le macrocelle esistenti vengono utilizzate, in via prioritaria, per la copertura di base. Se la qualità della copertura lo richiede e se quest’ultima non può essere fornita da piccole celle per motivi tecnici o investimenti economici sproporzionati, l’approccio deve consentire la realizzazione di nuove macro-installazioni.
  • Le celle piccole sono parte integrante della strategia mobile quando il carico sulla macrocella è troppo forte o la copertura insufficiente per altri motivi, e anche quando la quantità di dati nello spazio pubblico è elevata.
  • Maggiore enfasi è posta sulla separazione tra le coperture all’interno degli edifici e le coperture esterne. All’interno degli edifici, la potenza di trasmissione richiesta è inferiore e può essere disattivata come precauzione individuale per ridurre l’esposizione personale. Nel contesto di una soluzione PPP, l’obiettivo è un utilizzo congiunto di celle piccole da parte di tutti gli operatori, in particolare celle piccole a maglia fine, per ragioni di costo e di parità di trattamento di tutti i fornitori. “

In sostanza, delle 5 opzioni, solo una (numero 2) ridurrebbe l’irradiazione, questa è quella richiesta dai medici. Per gli altri, è lo status quo (opzione 1) o un aumento dell’irradiazione. Attenzione, perché questo aumento può essere camuffato, come con l’opzione n ° 3, che standardizza il valore di irraggiamento a 6 V/ m, ma con una media su 24 ore dei valori effettivi, la media ulteriormente divisa per un fattore di 2,5.

Il dipartimento svizzero di metrologia della Confederazione (METAS) ha pubblicato un rapporto su come misurare le antenne adattive 5G, ma questo rapporto non può essere utilizzato così com’è perché alcuni parametri di calcolo non sono disponibili. Non fisso e dovrà essere corretto in seguito. Il metodo consigliato è anche discutibile, perché non si basa su basi riconosciute a livello internazionale. Può portare a una sottostima della radiazione reale, in particolare dei valori di picco.

Infatti, la potenza dei fasci direzionali del “beamforming” delle antenne adattative può essere regolata individualmente in modo da produrre 6V / m a livello dell’utente, cosa che al momento non è affatto così. Solo nei LUS (luoghi di utilizzo sensibile) più vicini a un’antenna, e molto meno quando ci si allontana da essa. Nel complesso ciò corrisponde quindi ad un aumento dell’irraggiamento della popolazione poiché saremo irradiati il ​​più possibile. Inoltre, tale valore massimo di 6 V/m sarà garantito sulla base di un calcolo mediato su 24 ore, con un ulteriore fattore di riduzione, come sopra menzionato, che aumenta ulteriormente il valore di irraggiamento complessivo. C’è anche da temere che le emissioni delle cosiddette antenne 5G “adattive” siano anche mediate spazialmente, vale a dire che si prendono i Contributi (alti!) Dei fasci “attivi” che servono gli utenti nel raggio azione dell’antenna e che assicuri loro i 6V / m dove si trovano, ma che poi dividiamo questi valori per la superficie totale su cui i fasci potrebbero essere diretti. Ovviamente arriveremo a qualcosa di abbastanza debole, anche con forti intensità nelle travi.

#STOP5G, il nuovo libro di Maurizio Martucci: “la verità sull’inquietante futuro digitale”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...