Olanda e Francia, riserve naturali circondate da antenne 4G-5G: morti migliaia di uccelli

di Arthur Firstenberg (presidente Task force americana sui telefoni cellulari)

Una ricerca nella letteratura scientifica per “elettromagnetico” + “effetti biologici” produce il numero sorprendente di 76.400 studi, più studi rispetto alla maggior parte delle altre minacce ambientali, eppure il mondo continua, guardando ma cieco, ascoltando ma sordo, scambiando il silenzio per conforto, il fiamme che avanzano per un futuro luminoso.

Sull’isola olandese di Texel, essendo l’estremità meridionale di una linea di isole che separa il Mare di Wadden dal Mare del Nord, una grande colonia riproduttiva di uccelli marini chiamata Sandwich terns (“grandi sterne” in olandese) ha fatto notizia il mese scorso morendo. Dei 7.000 uccelli che nidificavano nella riserva naturale De Petten fino a fine maggio, nessuno era rimasto a metà giugno. Furono raccolti 3.000 cadaveri di uccelli e gli altri morirono o abbandonarono i loro nidi.

La corrispondente che mi ha inviato questa notizia, Antonia nei Paesi Bassi, mi ha anche inviato a un sito Web olandese che monitora tutte le torri cellulari e le antenne in tutto il paese. La catastrofe della sterna era stata attribuita all'”influenza aviaria” e sospettava che stesse succedendo qualcos’altro. Quando ho guardato il sito sono rimasto sbalordito. Le prime 35 sterne morte a De Petten sono state ritrovate il 29 maggio 2022. Ci sono tre torri cellulari ai margini della riserva, ed effettivamente nel territorio in cui le sterne abitano. Secondo il sito Web, 18 nuove antenne 4G erano state appena aggiunte a quelle torri: 6 da Vodafone alla sua torre di 83 piedi il 25 maggio 2022 e 12 da KPN alla sua torre di 108 piedi il 29 maggio 2022. il numero di frequenze emesse da quelle due torri era aumentato durante la notte da 5 a 11.

Oltre ad avere tutte quelle antenne proprio nella riserva, De Petten si trova sul bordo settentrionale di un corso d’acqua che separa il Mare del Nord dal Mare di Wadden, e un gran numero di antenne su entrambi i lati di quel corso d’acqua: le antenne in Den Helden a sud e le antenne su Texel a nord – sono puntate su quel corso d’acqua trafficato, che è intensamente utilizzato dalle navi che lo attraversano continuamente. Di conseguenza, secondo la mia ricerca, ci sono un totale di 105 antenne 4G entro 7 miglia da De Petten che sono puntate direttamente su di esso.

Le sterne di Texel’s Sandwich erano già in cattive condizioni per tutte le radiazioni a cui erano state esposte negli ultimi anni? E l’improvviso aumento sia del numero di antenne che del numero di frequenze alla fine li ha uccisi?

Ho deciso di indagare ulteriormente. Quello che ho scoperto, sia nei Paesi Bassi che altrove, è coerente ma non semplice. Ecco alcune regole approssimative:

(a) Un improvviso drammatico aumento del numero di antenne e frequenze la cui sorgente è all’interno di una colonia riproduttiva o al suo confine è letale. Gli uccelli nidificanti non possono evitare la radiazione; devono abbandonare i loro nidi o morire.

(b) L’effetto delle antenne puntate su una colonia riproduttiva a distanza dipende dalla popolazione umana. In una regione scarsamente popolata, le antenne emettono poche radiazioni e poche frequenze perché poche persone le utilizzano. Al contrario, le torri cellulari situate nei porti principali sono molto utilizzate, sia dai residenti che dalle navi, ed emettono la massima radiazione. Lo stesso vale per le antenne puntate su rotte di navigazione molto utilizzate.

(c) La distanza non ha importanza quanto il terreno e l’altezza della torre. La radiazione da una torre più alta viaggia più lontano. E quando non c’è altro che acqua tra la torre e la colonia di uccelli, l’acqua riflette e amplifica il segnale e la distanza conta molto poco.

(d) Le torri 4G sono generalmente peggiori delle torri 5G. Questo perché le torri 4G trasmettono le loro radiazioni in tutte le direzioni mentre le torri 5G emettono la maggior parte delle loro radiazioni in fasci focalizzati, rivolti direttamente alle persone che tengono in mano telefoni 5G.

Elettrosmog e 5G, 200 pagine di studi sui danni per fauna e flora: 6,8 milioni di uccelli uccisi ogni anno

Tenendo presente queste regole, diamo un’occhiata ad alcune altre colonie riproduttive di sterne sandwich e vediamo cosa è successo loro quest’anno:

Un’altra grande colonia riproduttiva di sterne panino ha fatto notizia un po’ più tardi, e per lo stesso motivo: quella di Waterdunen, all’estremità opposta dei Paesi Bassi, nella provincia della Zelanda. Come De Petten, la riserva naturale di Waterdunen si trova su una trafficata rotta marittima all’ingresso di un porto trafficato. La più grande colonia di questi uccelli nei Paesi Bassi, Waterdunen ha ospitato 7.000 coppie di sterne che sono volate dall’Africa per riprodursi lì questa primavera. Ma il 24 giugno 2022, è stato riferito che 4.600 adulti morti e giovani sterne Sandwich erano stati raccolti lì durante le due settimane precedenti. Entro la fine di giugno, anche questa colonia non esisteva più.

La riserva naturale di Waterdunen ha 318 antenne 4G molto utilizzate puntate nella sua direzione da distanze comprese tra 0,5 e 8 miglia. La maggior parte di questi emette tra 1.000 e 2.000 watt di radiazioni ciascuno. 46 di queste antenne sono nuove, essendo state aggiunte alle torri esistenti in aprile, maggio e giugno 2022. Una torre di 55 piedi a meno di 2 miglia lungo la spiaggia da Waterdunen è stata aggiornata il 18 maggio 2022 da 6 antenne a 12 e da 2 frequenze a 4. Un’altra torre di 40 piedi nella stessa posizione è stata aggiornata il 22 giugno 2022 da 6 antenne a 18 e da 2 frequenze a 6. Poiché le sterne sandwich vivono di pesce, quella torre si trova all’interno dell’area di foraggiamento per quella colonia .

È successa la stessa cosa a tutte le sterne sandwich che nidificano nei Paesi Bassi? No. A sole 20 miglia da Waterdunen c’era una piccola e sana colonia di sterne in una riserva naturale chiamata Yerseke Moer. E da aprile a luglio, cioè per tutta la stagione di nidificazione del 2022, questa colonia ha prosperato e non sono stati trovati uccelli morti. A differenza di De Petten e Waterdunen, questa riserva si trova in un luogo relativamente isolato, non è vicino a un porto importante e non è su una rotta marittima. Un totale di 35 antenne 4G sono puntate su questa riserva da distanze fino a 8 miglia. Solo due di queste antenne sono state aggiunte da aprile.

Allo stesso modo in Francia , due grandissime colonie di sterne hanno avuto due esperienze completamente diverse. Nella riserva naturale di Platier d’Oye, vicino al porto di Calais, una colonia di 3.000 sterne panino ha iniziato a nidificare ad aprile. I primi 100 uccelli morti sono stati scoperti il ​​20 maggio e nel giro di poche settimane la colonia è stata quasi completamente spazzata via.

La situazione a Platier d’Oye è simile a quella più a nord di Texel: decine di nuove antenne 4G e 5G sono state aggiunte vicino alla riserva durante i mesi di maggio e giugno. 3 nuove antenne 4G e 6 nuove antenne 5G sono state aggiunte a una torre cellulare esistente di 90 piedi al confine con la riserva. Altre 6 nuove antenne 4G e 6 nuove antenne 5G sono state aggiunte a una torre esistente di 140 piedi a circa due miglia a sud-est. Altre 6 nuove antenne 4G e 6 nuove antenne 5G sono state aggiunte a una torre esistente di 95 piedi a circa due miglia a est. In questo momento c’è il numero sbalorditivo di 355 antenne di tutti i tipi su 26 torri in 13 posizioni che vanno da 10 piedi di altezza a 255 piedi di altezza entro circa 4 miglia da questa riserva naturale.

Una colonia ancora più grande – la più grande colonia riproduttiva di sterne panino in Francia – non ha avuto malattie durante la stagione riproduttiva del 2022. Si chiama Polder de Sébastopol e ospitava diverse migliaia di coppie di uccelli nidificanti. Ma come Yerseke Moer, si trova su un’isola isolata con pochi residenti umani. L’area terrestre dell’isola è in gran parte dedicata a parchi, riserve naturali e strutture ricettive per i visitatori. Nessuna delle antenne delle due torri cellulari a mezzo miglio a ovest del Polder è puntata su di esso. E anche se ci sono un gran numero di antenne tra una e quattro miglia di distanza che sono puntate direttamente sul Polder, nessuna nave passa al largo e quelle antenne sono poco utilizzate tranne che dai visitatori della riserva che ne percorrono i sentieri.

Osservando i dettagli e le diverse esperienze in particolari colonie riproduttive di questi uccelli, la storia ufficiale si scompone. Come si può dare un senso allo sterminio di così tanti di questi uccelli nel giro di poche settimane in luoghi così sparpagliati? Secondo le organizzazioni per la conservazione degli uccelli, l’influenza aviaria è così contagiosa che si diffonde tra le sterne Sandwich in tutta Europa nel giro di pochi giorni, eppure è così non contagiosa che una piccola colonia di sterne a 20 miglia di distanza sfugge indenne. L’influenza aviaria viaggia da un capo all’altro dei Paesi Bassi in pochi giorni, ma non tra due colonie olandesi a 20 miglia di distanza, e non tra le due più grandi colonie francesi?

Svizzera, mistero su 120 uccelli morti: indiziato ancora il 5G. Ornitologi: “non troviamo prove!” Ma è vero pure il contrario (perché 5G senza test!)

Apparentemente anche le organizzazioni per la conservazione non trovano strano che improvvisamente e per la prima volta in assoluto, nel 2022, l’influenza aviaria stia (a) uccidendo le sterne panino e (b) si stia verificando durante la loro stagione riproduttiva. In decenni di monitoraggio, l’influenza aviaria non ha mai colpito le sterne sandwich prima d’ora in nessuna parte del mondo. Ed è sempre stata una malattia stagionale, che si verifica solo in autunno e in inverno, e non ha mai colpito nessun tipo di uccelli selvatici in primavera e in estate fino al 2022. Inoltre non ha mai colpito così tanti tipi diversi di uccelli selvatici contemporaneamente: le sterne , gabbiani, avocette, sule, skuas, urie, pulcinelle di mare, beccacce di mare, anatre, oche, pittime reali, fagiani, gazze, sanderling, cicogne, gru, pellicani, aironi, cigni, svassi, passeri, piccioni, merli dalle ali rosse, gufi, cormorani, svassi, dunlin, corvi, corvi, aquile calve, falchi, falchi, avvoltoi. Sia le organizzazioni degli uccelli che le autorità stanno reagendo di riflesso indossando maschere e tute ignifughe quando visitano queste colonie e maneggiano uccelli morti. Ma dovrebbero iniziare a mettere in discussione la causa di una tale catastrofe senza precedenti.

Non c’è dubbio che gli uccelli malati siano risultati positivi per un virus chiamato H5N1. Ma quando ogni laboratorio di analisi amplifica costantemente frammenti di quel virus in un numero incalcolabile di test PCR, si deve sospettare che le pareti, i pavimenti, l’aria, le apparecchiature e il personale nei laboratori di analisi siano contaminati da questo virus. Quando si ricorda che i campioni di una capra, di una quaglia e di una papaia, inviati al National Health Laboratory of Tanzania, sono risultati tutti positivi al COVID-19, i risultati dei test PCR, siano essi per persone, uccelli o frutta, dovrebbero essere considerato con cautela. Sì, sia gli uccelli che le persone si ammalano e muoiono, ma c’è un altro fattore ovvio che viene ignorato. La tendenza a dare la colpa di tutte le malattie ai microrganismi sta distruggendo il nostro mondo.

È l’irradiazione incontrollata del nostro mondo che ci sta uccidendo e spazzando via tutti gli uccelli. Sia le antenne 4G che 5G vengono erette più rapidamente e in numero maggiore che mai, non solo a terra ma anche sulla superficie del mare. Ovunque ci siano parchi eolici offshore, le compagnie di telefonia cellulare stanno posizionando torri cellulari su quelle piattaforme. Gli uccelli marini presto non solo non avranno un posto dove deporre le uova e allevare i loro piccoli, ma non saranno nemmeno in grado di cacciare il loro cibo e nutrire i loro piccoli senza essere irradiati. La più grande azienda che costruisce torri cellulari sulla superficie del mare si chiama Tampnet. Ecco una mappa di tutte le loro torri e le loro aree di copertura nel Mare del Nord e nel Golfo del Messico: https://www.tampnet.com/coverage-maps

Nel 1918, al culmine dell’influenza spagnola, i tentativi dei team medici di Boston e San Francisco di dimostrare la natura contagiosa dell’influenza incontrarono un completo e clamoroso fallimento. Hanno raccolto le secrezioni mucose dalla bocca, dal naso, dalla gola e dai bronchi di malati di influenza in vari stadi della malattia e hanno trasferito queste secrezioni al naso, alla gola e agli occhi di centinaia di volontari sani. Hanno iniettato sangue da pazienti affetti da influenza a volontari sani. I volontari sani si sono seduti naso a naso con pazienti con influenza gravemente malati mentre si parlavano tra loro e poi il paziente ha tossito cinque volte direttamente in faccia al volontario. Nessuno dei volontari si è ammalato in alcun modo. Questi esperimenti sono stati pubblicati nel Journal of American Medical Association , nel Boston Medical and Surgical Journal e nel Public Health Reports .

Anche i cavalli hanno contratto l’influenza e un fallimento simile ha accompagnato i tentativi di trasferire l’influenza da un cavallo all’altro. Come risultato di questi esperimenti, il tenente colonnello Herbert Watkins-Pitchford scrisse di non poter trovare alcuna prova che l’influenza si fosse mai diffusa direttamente da un cavallo all’altro.

Molti sono gli scienziati, nel corso degli anni, che hanno osservato che l’influenza, che si tratti di esseri umani, cavalli, uccelli o maiali, è una malattia estremamente strana. Nessuno ha mai spiegato perché l’influenza sia stagionale, per esempio. O perché le epidemie di influenza finiscono. O perché le epidemie fuori stagione non si diffondono. O perché le epidemie di influenza esplodono in un colpo solo su interi paesi e scompaiono altrettanto miracolosamente, come se fossero improvvisamente proibite. O come l’influenza umana possa diffondersi nel mondo in pochi giorni, e lo ha sempre fatto, anche secoli fa, quando non esistevano né aeroplani, automobili, ferrovie o navi a vapore. Almeno 23 scienziati nel corso degli anni, tra cui Richard Shope, lo scienziato che per primo identificò il virus dell’influenza nel 1931, hanno pubblicato articoli che mettono in dubbio la natura contagiosa dell’influenza e/o suggeriscono una causa elettrica per essa.

“II 5G sta uccidendo animali e fauna selvatica”. Inquietante rapporto dalla  Johns Hopkins University e Washington University

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...