Wi-Fi e 5G dallo spazio con SpaceX di Elon Musk: già 420 satelliti in orbita, saranno 30.000? Con la ionosfera, sopravvivenza a rischio

di Arthur Firstenberg

Il 26 Maggio 2020 SpaceX, l’azienda aerospaziale statunitense di Elon Musk, ha presentato domanda presso la Commissione Federale delle Comunicazioni (FCC) degli Stati Uniti d’America per avere l’autorizzazione al lancio di 30.000 satelliti di “prossima generazione” (“Gen2”). Orbiteranno tra 328 km (203 miglia) e 614 km (380 miglia) di altitudine. Utilizzeranno frequenze da 10,7 GHz a 86 GHz. Mireranno a raggi focalizzati che copriranno la Terra in un mosaico di celle sovrapposte, ciascuna delle quali ha un diametro di circa 8 chilometri.

I database archiviati con FCC da SpaceX indicano che per ciascun satellite sono disponibili 40.700 canali da 1 MHz e che per ogni utente sono necessari almeno 7,8125 MHz di spettro per ogni utente. Ciò significa che i satelliti Gen2 Starlink potrebbero essere in grado di servire fino a 150 milioni di utenti Internet contemporaneamente.

Con i 60 satelliti lanciati ​​22 Aprile 2020, SpaceX ha portato il numero dei suoi satelliti di “prima generazione” (“Gen1”) a 420, numero che aveva precedentemente annunciato come necessario per una copertura “minore” delle medie latitudini a circa 56 gradi nord e sud.

BioSilver – mascherina facciale biocompatibile in cotone e argento. Sicura e duratura

BioSilver – mascherina facciale biocompatibile in cotone e argento

Basta mascherine inaffidabili usa e getta. Non c’è più bisogno di cambiarle continuamente. Per proteggere bocca e naso con una scelta sicura e conforme c’è BioSilver, la protezione facciale biocompatibile, duratura e lavabile con proprietà antivirale, antibatterica, antimicotica. Interno in cotone testato su oltre 120 tra batteri, alghe e funghi. Esterno in argento puro con funzione antibatterica/antivirale. Fino a 40 lavaggi garantiti. Una scelta nel tempo. Dispositivo medico. Prodotto ozonizzato e confezionato sigillato. Offerta lancio ad un prezzo speciale (se diverso da quello impostato su PayPal, al momento dell'ordine si ricorda di indicare l'indirizzo per la spedizione. I dati saranno utilizzati solo per elaborare l'ordine)

€35,00

Le modalità di test dei 420 satelliti non è nota. Stanno comunicando con dieci stazioni terrestri situate negli Stati Uniti. Sono in fase di test da parte dell’aeronautica militare americana per l’uso da parte di aerei militari. SpaceX intende continuare a lanciare 60 satelliti alla volta ogni due settimane. Il prossimo lancio è stato il 3 giugno 2020. SpaceX prevede di iniziare quello che chiama beta test con 10.000 clienti privati da servire ​​tra circa tre mesi, quando in orbita ci saranno 840 satelliti. Il solo beta test potrebbe avere conseguenze devastanti. Se e quando Starlink avrà milioni di clienti paganti, è possibile che niente e nessuno sarà risparmiato dall’irradiazione elettromagnetica proveniente dallo spazio: umani, animali e insetti.

Il danno dei satelliti non è dovuto principalmente ai livelli di radiazione sulla superficie terrestre. I satelliti sono in orbite basse, ma sono ancora centinaia di miglia sopra di noi e i livelli di radiazione che ci espongono qui sul terreno sono al massimo di circa 0,00001 μW / cm2. Questo è circa un milionesimo dei livelli a cui siamo esposti da telefoni cellulari, computer e torri cellulari.

La minaccia alla vita viene invece dal fatto che tutti questi satelliti si trovano nella ionosfera. La ionosfera è una fonte di alta tensione che controlla il circuito elettrico globale, che a sua volta fornisce l’energia per la vita.

5G da incubo, arriva in Italia il Wi-Fi dallo spazio DOCUMENTI

In breve, tutti gli animali e le piante sono polarizzati da positivi a negativi dalla testa ai piedi o dalle foglie alle radici. Una corrente elettrica di picowatt per metro quadrato fluisce dal cielo carico positivamente alla terra carica negativamente con il bel tempo, scorre attraverso la terra sotto i nostri piedi e ritorna al cielo tramite fulmini durante i temporali. Ogni essere vivente fa parte di questo circuito. La corrente entra dalle nostre teste dal cielo, circola attraverso i nostri meridiani ed entra nella terra attraverso le piante dei nostri piedi. Questa corrente fornisce l’energia per la crescita, la guarigione e la vita stessa. Non viviamo solo con il cibo, ma anche per e con l’energia fornita dalla biosfera. La medicina orientale lo chiama Qi o Ki, la medicina ayurvedica lo chiama prana e i fisici dell’atmosfera lo chiamano elettricità. Ci fornisce energia per la vita e informazioni che organizzano i nostri corpi. Se inquini questo circuito con miliardi di pulsazioni digitali, distruggerai tutta la vita.

Una cosa è sedersi davanti al computer tutto il giorno o tenerne una in mano. Altra cosa è invece vivere all’interno di una sorta di maxi-computer a cielo aperto.

Dobbiamo fermare questo scempio. Non esiste un compito più importante sulla Terra in questo momento – non i cambiamenti climatici, non la deforestazione, non la plastica nell’oceano e nemmeno fermare il 5G sulla terra. Niente di tutto ciò sarà importante se SpaceX verrà autorizzato e portato avanti con Starlink, il Wi-Fi dallo spazio, cioè il 5G dallo spazio.

RIPRODUZIONE CONSENTITA, CITANDO AUTORE E FONTE

4-5 Luglio, 1° Corso per attivisti #Stop5G – IL PROGRAMMA, COME PARTECIPARE

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...