STOP 5G appello davanti la sede ONU: “Ecocidio, crimine, ribelliamoci prima che sia troppo tardi! Il 4G è già abbastanza”

Dopo l’appello dell’ex dipendente dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) lanciato in Svizzera nel 1° Congresso Internazionale Stop 5G che ha dato vita all’Alleanza Europea Stop 5G, nuovamente l’ONU è nel mirino degli attivisti: fuori il palazzo di Ginevra, un manifestante ha inscenato un comizio in vecchio stile (con un megafono senza elettrosmog!) per rivendicare l’applicazione del Principio di Precauzione, denunciando falle e pericoli del 5G. In esclusiva, OASI SANA riporta testo e video dell’accorato appello lanciato il 4 Luglio 2019.

Oratore è stato l’attivista svizzero Olivier Pahud, che già a Maggio con alcuni manifestanti (vedi foto sopra) aveva inscenato un’altra dimostrazione fuori il palazzo ONU affermando che parlando di 5G “dobbiamo parlare di un crimine contro l’umanità, di un ecocidio”. Pahud si fa portavoce del gruppo che sostiene come il “4G sia già abbastanza!”

Si ricorda che l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra è, dopo il Palazzo di vetro di New York, il più ampio ed importante centro operativo internazionale delle Nazioni Unite.

” quando una società farmaceutica vuole mettere un nuovo farmaco sul mercato, deve passare attraverso procedure di prova molto severe e estese. Ci vogliono almeno 10 anni per arrivare al mercato per dimostrare che la nuova molecola farà “piuttosto che male”. il paziente sarà debitamente informato dell’elenco dei rischi degli effetti collaterali e potrà scegliere, con il consenso informato, la Opportunità di prendere questi rischi per il trattamento, con la consulenza professionale del medico o del farmacista. In caso di effetti indesiderati trovati in alcuni pazienti, il prodotto si ritira dal mercato. Tuttavia, la droga in questione si riferisce solo ad una piccola parte della popolazione.

Non c’è niente di uguale per la telefonia mobile. Per decenni, la scienza ha messo in evidenza gli effetti dannosi delle onde premuti a livelli molto al di sotto dei valori limite attuali. Questo riguarda tutta la popolazione, in particolare i più deboli, i bambini, i malati, gli anziani. E nessuno si prende la briga di spiegarlo ai consumatori già chi soffre gli effetti collaterali della telefonia mobile! La pillola è difficile da ingoiare…

Già, lo scandalo Phonegate non ha avuto assolutamente alcun effetto sulle nostre autorità o sulle autorità di vigilanza. Ora, le licenze 5 G sono state vendute anche prima di conoscere le conclusioni della relazione ordinata dai nostri stessi funzionari eletti. Peggio ancora, il rapporto è fagocitato e, senza alcun motivo, ritardato. Questo va contro ogni logica del principio di precauzione, va contro ogni principio della vita in se stesso. E la cosa più importante, non soddisfa assolutamente nessuna necessità!



Dire niente è viziare. Non fare niente è cadere a terra. Stiamo vivendo in una situazione in gran parte inaccettabile, a cui solo noi possiamo rimediare. Si tratta di ritrovare il nostro potere, esercitare il nostro libero arbitrio, dichiarare il nostro non consenso. Siamo l’ultima roccaforte della democrazia. In piedi, siamo la voce di coloro che non possono alzarsi, di quelli che non hanno voce, di quelli che non hanno voce.

4 G è sufficiente. Molti mi dicono che è già troppo. Cosa stiamo aspettando per esprimere il nostro disaccordo? Cos’altro abbiamo bisogno di dire con forza e fermezza che non accettiamo più la cattiva gestione che ci viene concessa per sopportare? Il tempo è finito, siamo già in ritardo di 20 anni. Sono passati 20 anni da quando siamo stati maltrattati consapevolmente nella maggior parte delle nostre cellule, i 7 giorni della settimana, le 24 ore del giorno.


Viviamo in un momento storico, un punto di svolta nella nostra società. Non si tratta solo di telefonia o 5 G. È il nostro futuro, quello di tutti i bambini, a chi non possiamo lasciare decentemente un mondo come quello che è stato costruito senza il nostro consenso. Non essere stato indignato 20 anni fa è stato un errore. Non essere indignato oggi sarebbe ancora più grande. Il momento di ribellarsi, prima che sia troppo tardi .

Non siamo cavie da un’industria che vuole solo i nostri soldi. Insieme siamo forti. Insieme, possiamo inventare il mondo che ci conviene a tutti. Insieme, diciamo che 4 G è più che sufficiente “

Olivier Pahud
, discorso pronunciato nel corso della manifestazione pubblica inscenata a Ginevra davanti la sede dell’Organizzazione delle Nazioni Unite

RIPRODUZIONE CONSENTITA, CITANDO LA FONTE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...