“Alimentazione naturale come natura crea”, intervista all’autrice Simona Tremolada

Abbiamo incontrato Simona Tremolada, autrice del bellissimo libro Alimentazione come Natura crea(Ebook Bookness, 2022), che in questi giorni viene presentato in tour nel nord Italia. Simona è una bella donna dallo sguardo allegro e dal sorriso spensierato. Eppure, come possiamo leggere nel suo libro, ha attraversato dei brutti momenti nella sua vita a causa di una malattia: la fibromialgia, che i medici definivano “non curabile”. Grazie alla sua forza di volontà ha trovato una soluzione ed ora è sorridente e sana come potete vederla in questa fotografia della copertina del libro. Abbiamo deciso di incontrarla ed intervistarla per voi lettori di OASI SANA.

Ciao Simona, come ti vuoi presentare in poche righe per farti conoscere da chi segue le nostre rubriche?

 Se dovessi descrivermi con una frase direi che sono una donna che desidera aiutare gli altri, per questo ho scelto la professione di naturopata, consulente di alimentazione naturale e coach del benessere femminile.

Cosa ti dissero i medici quando ti venne diagnosticata la fibromialgia?

Dissero ciò che nessuno vorrebbe e dovrebbe sentirsi dire: “lei ha una malattia altamente invalidante per cui non esistono cure.”

Come hai reagito a questa sentenza così negativa?

Chiaro che all’epoca rimasi paralizzata dalla diagnosi, nell’immediato presi per oro colato le parole dei medici. Mi sono domandata molte volte se un medico si rende conto, quando esprime questi giudizi così catastrofici, di come influenza negativamente la vita del suo paziente da quel moneto in poi.

Poi con il passare del tempo e con una grande forza di volontà, che per fortuna non mi è mai mancata, iniziai un lavoro in primis di ricerca e studio sulla fibromialgia e successivamente su me stessa

Chi vuoi ringraziare pubblicamente per la tua guarigione? Ovvero quali sono state le persone che ti hanno aiutata più o meno consapevolmente ad uscire dal vicolo cieco in cui ti trovavi quando eri malata?

La prima persona che voglio ringraziare è Simona, ovvero io, perché se non avessi avuto la costanza e la forza di volontà di allearmi con le persone giuste e allontanare i miei cosiddetti “nemici” probabilmente sarei ancora in balia del vento. Tra i miei alleati voglio citare il dott. Andrea Grieco, il medico che mi ha indicato la strada per giungere ad una pienezza del vivere; è doveroso che io ringrazi anche il mio compagno che nella mia vita “social” preferisce restare in disparte ma che è riuscito a starmi accanto e soprattutto capirmi. E poi senza ombra di dubbio voglio ringraziare le mie figlie perché è per stare accanto a loro che ho trovato in me la forza di volontà dapprima di sopravvivere, poi di combattere ed infine di guarire.

Il tuo libro ha un lungo sottotitolo: “Scopri la nutrizione ancestrale con il metodo Encanto per una vita sana e felice”. Ci vuoi descrivere brevemente in cosa consiste questo metodo?

Si certo. La nutrizione ancestrale è una terminologia che ho associato all’alimentazione naturale. Leggendo il libro si comprende come alimentarsi in modo naturale significhi sostanzialmente nutrirsi come madre natura crea, come era naturale fare prima della grande industrializzazione. L’alimentazione naturale è ancestrale perché è riconducibile al mondo dei nostri antenati.

Da quest’idea di “semplicità ancestrale” è iniziato il mio studio di un metodo, di un sistema: ENCANTO che è l’acronimo di ENTRA, CAMMINA, NEGA, TORNA. ENTRA nel tuo nuovo mondo, CAMMINA con i tuoi alleati, NEGA l’accesso ai “nemici”, TORNA a vivere il tuo vero io.

Nel libro ho inserito delle schede di self help che guidano il lettore passo dopo passo per far emergere la forza vitale insita on ogni essere umano, quell’energia e quella capacità innata di salute e benessere psico fisico che ciascuno di noi può raggiungere.

Credi quindi che il tuo metodo Encanto possa essere utile anche ad altre persone affette da altre malattie?

Certamente. Il metodo Encanto è un metodo adatto a tutti perché insegna uno stile di vita che offre la possibilità di capire cosa amiamo e cosa invece non ci piace nella nostra vita. Da qui ci aiuta a ricominciare, ci aiuta a risanare quelle ferite che non ci rendono sani a 360°. Con Encanto diventiamo più sani sotto tutti gli aspetti, non solo da un punto di vista prettamente di salute fisica ma anche mentale, emotiva, relazionale.  

Ho capito che questo libro può aiutare non soltanto chi è ammalato, ma anche chi è triste, chi ha perso un lavoro o un amore, insomma sembra che Encanto si possa applicare ad ogni problematica che incontriamo. Vuoi spiegare meglio ai nostri lettori?

Infatti è così. Encanto ci aiuta ad avere fiducia in noi stessi e nelle capacità misteriose e quasi magiche che il nostro corpo ha di risanarsi. Stranamente accettiamo di ammalarci ma sembra difficile accettare le capacità di guarigione del corpo. Cresciamo in una società che stimola solo e soltanto l’emisfero sinistro e abbiamo perso la saggezza ancestrale.

L’ostacolo maggiore che incontrano le persone è il cambiamento, la paura di cambiare fa sì che spesso si preferisca accettare una malattia, una convivenza sbagliata, un lavoro che non ci soddisfa piuttosto che metterci in gioco e cambiare.

Con Encanto recuperiamo il contatto con noi stessi, con la parte ancestrale e miracolosa del nostro essere e questo ci aiuta a superare una malattia, una delusione amorosa, un fallimento economico, una crisi familiare.

Mi sembra veramente interessante. Se qualcuno volesse saperne di più, contattarti o invitarti nella sua città per presentare il libro come può fare?

Per contattarmi è possibile inoltrare una mail a naturalmentealimentazione@gmail.com , per saperne di più basta seguire le mie pagine social fb e Ig naturalmentealimentazione.  

Siamo arrivati ai saluti.

Simona prima di congedarsi mi ricorda che per lei è importante che emerga nell’intervista il fatto che non è un medico e che nel libro non si parla di cure.

“Io molto umilmente indico solo la strada che ha guarito me e che sta funzionando con altre persone che a me si rivolgono in quanto naturopata ed esperta di alimentazione. Per essere sani – mi ha detto Simona – bisogna entrare in risonanza con tutte le parti di sé. Encanto insegna questo, è una strada per conoscersi veramente; conoscendosi si migliora e migliorando si guarisce. Per chi è già sano Encanto è un potente acceleratore per acquista maggior fiducia e gioia da donare agli altri. La gioia è contagiosa” Midice sorridendo prima di salutarmi.

In un momento storico in cui tutto sembra dirigersi verso l’annientamento della gioia umana: dalle restrizioni pandemiche, alle guerre, alle bollette esorbitanti, ai lavori persi, alle attività costrette a chiudere, al dannoso 5G imperante in ogni angolo della città, riteniamo che un libro che ci insegna un metodo per restare in equilibrio ed essere in gioia sia un testo indispensabile ed un vero tesoro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...