“Moratoria immediata sul 5G”: scienziati per abbattere l’elettrosmog, 25 anni di prove per fermare il pericolo invisibile

Si chiama Commissione internazionale sugli effetti biologici dei campi elettromagnetici, è stata fondata nel 2021, è impegnata a garantire la protezione dell’uomo e di altre specie dagli effetti nocivi delle radiazioni non ionizzanti. Lo scopo principale è “formulare raccomandazioni, basate su ricerche scientifiche sottoposte a revisione paritaria”, cioè partendo dal massimo delle pubblicazioni scientifiche pubblicate nel mondo sugli effetti biologici e sulla salute delle frequenze elettromagnetiche fino a 300 GHz inclusi. La Commissione “chiede una  valutazione indipendente  degli effetti e dei rischi delle radiazioni a radiofrequenza sulla base di prove scientifiche provenienti da studi sottoposti a revisione paritaria condotti negli ultimi 25 anni. Lo scopo di questa valutazione sarebbe stabilire standard di esposizione protettivi per la salute per i lavoratori e il pubblico“.

PRESIDENTE ICNIRP, INTERVISTA SHOCK: ‘il 5G come un esperimento sulla salute umana!’ Valuteremo le conseguenze solo dopo il lancio sul mercato…. NOTIZIA ESCLUSIVA OASI SANA

La Commissione internazionale sugli effetti biologici dei campi elettromagnetici (ICBE-EMF) in una nota stampa chiede una valutazione indipendente sugli effetti del wireless e una immediata moratoria internazionale sul 5G. Il comunicato segue l’articolo scientifico pubblicato sulla rivista Environmental HealthL’evidenza scientifica invalida i presupposti sanitari alla base delle determinazioni del limite di esposizione FCC e ICNIRP per le radiazioni a radiofrequenza: implicazioni per il 5G”, dimostra come la Commissione federale per le comunicazioni (FCC) degli Stati Uniti e la Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP) abbiano ignorato o respinto in modo inappropriato centinaia di studi scientifici che documentano gli effetti negativi sulla salute a esposizioni al di sotto della dose soglia dichiarata da queste agenzie, che è stata utilizzata per stabilire i limiti di esposizione umana. Gli autori sostengono che la soglia, basata sulla scienza degli anni ’80 – prima che i telefoni cellulari fossero onnipresenti – è sbagliata e questi limiti di esposizione basati su questa soglia non proteggono adeguatamente i lavoratori, i bambini, le persone con ipersensibilità elettromagnetica e il pubblico dall’esposizione a la radiazione non ionizzante dalla trasmissione di dati wireless. 

5G, la popolazione non è protetta! USA, sentenza storica: ‘posizione arbitraria’ e antiscientifica, condannata FCC, l’agenzia delle comunicazioni americane

“Molti studi hanno dimostrato effetti ossidativi associati all’esposizione a RFR a bassa intensità e significativi effetti avversi tra cui cardiomiopatia, cancerogenicità, danno al DNA, disturbi neurologici, aumento della permeabilità della barriera ematoencefalica e danno allo sperma“, spiega il dott. Ronald Melnick , presidente della Commissione ed ex tossicologo senior del National Toxicology Program degli Stati Uniti presso l’Istituto nazionale di scienze della salute ambientale. Questi effetti devono essere affrontati in linee guida sull’esposizione riviste e protettive per la salute. Inoltre, l’ipotesi che le onde millimetriche 5G siano sicure a causa della penetrazione limitata nel corpo non esclude la necessità di studi sugli effetti sulla salute“. 

Il Dr. Lennart Hardell , ex professore presso l’Örebro University Hospital in Svezia e autore di oltre 100 articoli sulle radiazioni non ionizzanti, ha aggiunto: “Diversi studi sull’uomo sulle radiazioni dei telefoni cellulari hanno riscontrato maggiori rischi per i tumori al cervello, e questi sono supportati da chiara evidenza di cancerogenicità degli stessi tipi cellulari trovati negli studi sugli animali. 

La Commissione ritiene che sia necessaria una valutazione indipendente basata sull’evidenza scientifica con attenzione alle conoscenze acquisite negli ultimi 25 anni per stabilire limiti di esposizione inferiori. La Commissione chiede inoltre che gli studi sanitari siano completati prima di qualsiasi futuro dispiegamento di reti 5G

Elizabeth Kelley , amministratore delegato della Commissione, ha osservato che ICBE-EMF è stato commissionato dai consulenti dell’International EMF Scientist Appeal , una petizione firmata da oltre 240 scienziati che hanno pubblicato oltre 2.000 articoli su campi elettromagnetici, biologia e salute, e che “I commissari hanno approvato le raccomandazioni dell’Appello per proteggere la salute pubblica e ambientale“. 

RISORSE UTILI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...