Alleanza Italiana Stop 5G, sit-in a Roma contro DDL Concorrenza: “ci esproprieranno casa per mettere antenne 5G a 61 V/m”

Esproprio delle case per mettere antenne 5G: nel DDL Concorrenza si insinua il golpe elettromagnetico

Venerdì 8 Aprile sit-in a Roma di Alleanza Italiana Stop 5G per contestare l’overdose di radiofrequenze che innalzerebbe di 100 volte la potenza d’irradiazione cancerogena, esautorati sindaci, comuni e regioni su vincoli ambientali, sanitari, paesaggistici e autorizzazioni sismiche 

VIDEO – THE INTERNATION APPEAL

Venerdì 8 Aprile 2022, dalle ore 11.00 alle ore 13.00, a Roma in Piazza dei Santi Apostoli, Alleanza Italiana Stop 5G organizza il sit-in ‘Fermiamo il golpe elettromagnetico’. L’iniziativa intende contrastare gli emendamenti presentati al disegno di legge cd. Concorrenza nel quale si annida un vero e proprio colpo di Stato elettromagnetico, ordito per legittimare la digitalizzazione algoritmica dell’esistenza umana, dei diritti e delle libertà dei cittadini, favorendo il business delle compagnie telefoniche in dispregio dei principi della proprietà privata, dei poteri di autonomia locale attribuiti ai Sindaci, nonché del Principio di Precauzione e di prevenzione del danno sanciti dall’Unione Europea, ormainoto come campi elettromagnetici, radiofrequenze onde non ionizzanti siano nella lista internazionale degli agenti cancerogeni.

Alcuni emendamenti presentati dalla maggioranza di Governo, per favorire il lancio del 5G intendono infatti: abolire una delle norme più cautelative d’Europa, innalzando di oltre 100 volte l’irraggiamento elettromagnetico nell’aria, facendo schizzare dall’attuale media rilevata nelle 24 ore dei 6 V/m a quella dei 61 V/m il limite soglia su tutto il territorio nazionale; eliminare il criterio minimizzazione del rischio sanitario e ambientale; cancellare il canone di concessione per le infrastrutture di telecomunicazione, già svilito nella tariffa forfettaria; cancellare qualsiasi autorizzazione paesaggistica e antisismica, esautorando poi le competenze di ARPA regionali/APPA provinciali ed uffici comunali, abolendo Regolamenti e Piani per la localizzazione delle antenne, strumenti amministrativi e tecnici con cui gli enti locali, ad esempio, nella previsione dell’implementazione di nuova infrastruttura tecnologica individuano centri abitati, scuole e ospedali per limitare l’impatto elettromagnetico sui siti sensibili, infine previsto persino l’esproprio della proprietà privata per impiantare nuove antenne telefoniche.

 “Dopo due anni di restrizioni e una raffica di misure liberticide, l’Italia è sempre più ridotta a maxi-laboratorio di ingegneria sociale a cielo aperto per una sperimentazione che non ha precedenti nella storia dell’umanità: adesso vorrebbero addirittura toglierci casa per invaderci di antenne, è inaccettabile,” afferma Maurizio Martucci, portavoce nazionale dell’Alleanza Italiana Stop 5G.Esattamente come chiedono ASSTEL (Confindustria) e Governo Draghi-Colao, con questi emendamenti il Parlamento fa gli interessi dell’industria, non certo dei cittadini, trasformando radicalmente la cosa pubblica in azienda privata, rinunciando agli strumenti di tutela della salute collettiva, togliendo poteri ai sindaci, alle agenzie regionali e provinciali di protezione ambientale, dando però alle multinazionali delle telecomunicazioni la possibilità di sperimentare sulla popolazione inerme una tecnologia non sicura e pericolosa, previsto addirittura l’esproprio di case e terreni privati per invaderci di antenne ad elettrosmog aumentato di 110 volte, tralasciando i numerosi appelli alla prudenza lanciati dalla comunità medico-scientifica nazionale e internazionale indipendente, cioè non conflitta da interessi né legami con le Telco. E si ignorano anche le richieste di numerosi sindaci, partiti, movimenti e associazioni consapevoli dell’invisibile ma grave pericolo nascosto nei lati oscuri del futuro digitale. Non è progresso quello che offende natura e umanità!” Al sit-in dell’Alleanza Italiana Stop 5G aderiscono i medici delle associazioni IppocrateOrg e Associazione Italiana Medicina Ambiente Salute, la Rete dei Sindaci per la moratoria 5G, i fuochi di resistenza di R2020, i partiti 3V Verità e Libertà, Forza del Popolo, Onda Civica Trentino, SìAmo, il Comitato di Liberazione Nazionale, la società cooperativa di mutuo soccorso intergenerazionale ad azionariato diffuso ‘Stefano Rodotà’ Generazioni Future eil movimento confederativo unitario Fronte del Dissenso.

Per sensibilizzare la classe politica e l’opinione pubblica sui gravi pericoli del 5G nell’invasione elettromagnetica, Alleanza Italiana Stop 5G ha più volte invitato i parlamentari ad adottare una programmazione di buon senso e finalizzata alla minimizzazione del rischio, scrivendo nei giorni scorsi ai componenti della 10^ Commissione permanente del Senato dove è in esame il DDL Concorrenza, mentre da tre settimane una staffetta di attivisti si alterna all’esterno di Palazzo Montecitorio e Palazzo Madama per contestare la manovra con bandiere e cartelli di dissenso. Promotrice negli ultimi anni di numerosi azioni e manifestazioni, Alleanza Italiana Stop 5G ha poi raccolto oltre 64.500 firme in una petizione popolare per la moratoria dell’Internet delle cose,attivo sulla piattaforma Eppela un crowdfundingper sostenere cause legali in difesa della salute pubblica minacciata dall’elettrosmog. Per scongiurare l’innalzamento dei limiti soglia di emissione elettromagnetica, lo scorso anno è stato è stato promosso anche uno sciopero della fame, adottato da 135 cittadini per 18 giorni. “In quel caso riuscimmo a fermare lo tsunami di radiofrequenze con strategia e determinazione, non è la prima volta ma sono anni che la lobby punta al colpo grosso dei 61 V/m,” conclude Martucci, portavoce dell’Alleanza Italiana Stop 5G. “Chiediamo ai senatori di ritirare o bocciare le proposte emendative: se dovessero arrivare alla Camera dei Deputati, continueremo in ogni modo legale la nostra battaglia. Nei paesi in cui vigono i limiti a 61 V/m, si registrano infatti casi intollerabili in uno Stato di diritto: in Francia cittadini elettro-iper-sensibili si sono dovuti rifugiare sulle Alpi per scappare dalla pervadente oppressione dell’elettrosmog, subito sulla propria pelle come una vera e propria tortura legalizzata. Questo scempio non è certo tollerabile in Italia, sempre più terra di un progresso pieno di insidie e ombre.” 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...