Green Pass, la Cina del 5G gestirà privacy e dati del passaporto vaccinale ‘unico e mondiale’?

Green Pass, passaporto vaccinale introdotto il 22 Aprile 2021 dal Decreto Legge cd. ‘riaperture’, una “certificazione verde” per consentire spostamenti in Italia tra le regioni in fascia arancione e rossa, ma pure forse per viaggiare in Europa, adottati gli standard tecnologici previsti dall’Ehn, European Health network. Cartaceo per iniziare, ma molto più probabilmente poi solo tecnologico, si servirà di Qr Code, firme digitali e App (IO e forse Immuni) per dimostrare di essere stati vaccinati, guariti dal Covid-19 o di essersi sottoposti a tampone con esito negativo. Sul tema s’è però già espresso il Garante per la protezione dei dati personali: con delibera del 23 Aprile 2021 ha inoltrato al Governo Draghi un avvertimento formale che frena bruscamente il progetto, evidenziate le criticità tali da inficiare, se non opportunamente modificata, la validità e il funzionamento del sistema previsto per la riapertura degli spostamenti durante la pandemia. È quindi necessario un intervento urgente a tutela dei diritti e delle libertà delle persone.” Contestato nelle piazze occupate dalle manifestazioni per la libertà di scelta, la rivendicazione dei diritti costituzionali e contrari alla tecnodittatura sanitaria, il passaporto vaccinale, la privacy, Big Data e lo scenario geopolitico sono infine anche il tema di un’analisi pubblicata sul blog del The Time of Israel da Christina Lin, analista di politica estera specializzata nelle relazioni Cina-Mediterraneo, con alle spalle una vasta esperienza nel governo degli Stati Uniti lavorando su questioni di sicurezza nazionale. La Cina, leader mondiale del 5G e dell’Hi-tech, ha infatti chiesto all’OMS di poter gestire una piattaforma internazionale di passaporto vaccinale digitale.

L’8 marzo, la Cina ha lanciato il suo passaporto vaccinale interno , che mostra lo stato di vaccinazione di un cittadino cinese ei risultati dei test antivirus tramite un programma sulla piattaforma di social media cinese WeChat .

Il giorno successivo, il 9 marzo, la Cina ha esortato l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS ) a consentire a Pechino di costruire e gestire un database globale per i “passaporti dei vaccini “, suscitando timori sulla privacy e sull’espansione della sorveglianza del governo.

Il programma WeChat e altre app per smartphone cinesi includono un codice QR crittografato che consente alle autorità di ottenere informazioni sulla salute di un viaggiatore. Le app tracciano la posizione di un utente e producono un codice colore verde, giallo o rosso per indicare la probabilità che abbia il virus e se la persona può camminare liberamente o meno. Questi “codici sanitari QR” sono già necessari per accedere ai trasporti nazionali e a molti spazi pubblici in Cina.

Tuttavia, secondo un articolo del New York Times , l’utilizzo di un software per dettare le quarantene e inviare dati personali alla polizia può costituire un pericoloso precedente per il controllo sociale automatizzato ed erode ulteriormente la sottile linea che separa i titani tecnologici cinesi dal Partito Comunista Cinese.

Tuttavia, i media statali cinesi Global Times hanno sostenuto il controllo di Pechino su un sistema globale di “passaporto vaccinale”, citando la sua esperienza con un sistema di codice sanitario, la capacità di costruire una piattaforma internazionale entro una settimana, in tempo per i Giochi Olimpici di Tokyo in programma tra 23 luglio e 8 agosto. La Cina ha anche esperienza di un impressionante sistema di sorveglianza nazionale , tanto per cominciare, con oltre 626 milioni di telecamere a circuito chiuso per i suoi 1,4 miliardi di abitanti.

Attualmente il problema con il sistema del codice sanitario cinese è la mancanza di interoperabilità con altri paesi, e come tale Pechino ha bisogno dell’OMS per internazionalizzare gli standard cinesi. Secondo l’ articolo del Global Times , le autorità sanitarie pubbliche cinesi hanno già studiato la questione e sono preoccupate “se diversi paesi accetterebbero il riconoscimento reciproco [del codice sanitario] rimane una questione importante considerando che le misure di prevenzione antiepidemia sono diverse con nessuna valutazione e standard unificati. “

Per porre rimedio a questo problema, la Cina ha lanciato ” China Standards 2035 “, una strategia di vecchia data per internazionalizzare gli standard cinesi.

#STOP5G, in arrivo l’ultimo libro di Maurizio Martucci: “la verità sull’inquietante futuro digitale”

China Standards 2035: Pechino come nuovo egemone per gli standard globali

Tradizionalmente, le aziende tecnologiche occidentali hanno fissato standard globali, che definiscono il modo in cui funzionano le tecnologie e le industrie e la loro interoperabilità (ad esempio, due o più sistemi che lavorano insieme) in tutto il mondo. Ad esempio, aziende statunitensi ed europee come Qualcomm ed Ericsson hanno stabilito standard in vari settori, ma ora la Cina vuole stabilire gli standard per settori emergenti come AI, droni, Internet of Things, smart health e pensionamento, apparecchiature per la tecnologia dell’informazione e interconnessione, tra gli altri.

Questa ambizione non è nuova, ma è stata chiaramente affermata quando la Cina ha aderito all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) nel 2001 e contemporaneamente ha lanciato la sua strategia di standardizzazione nazionale . Ora sta promuovendo questa ambizione tramite gli standard cinesi 2035 .

Nel rapporto China Standard 2035 , le autorità cinesi hanno espresso l’obiettivo di “cogliere l’opportunità” che Covid-19 ha creato proliferando il sistema di informazione autoritario cinese. Mira a cooptare l’industria globale catturando l’Internet delle cose industriale, definire la prossima generazione di infrastrutture tecnologiche e biotecnologiche ed esportare il sistema di credito sociale della Cina .

Per come la vede Pechino, la pandemia Covid-19 crea una finestra per una radicale trasformazione globale, dove si stanno ancora formando nuove tecnologie e standard tecnici. Secondo Dai Hong, direttore del secondo dipartimento degli standard industriali del Comitato nazionale di gestione della standardizzazione cinese nel 2018, “Questo garantisce all’industria e agli standard cinesi l’opportunità di superare i mondi”.

Tuttavia, la creazione di una piattaforma internazionale potrebbe richiedere del tempo, quindi nel frattempo la Cina si affida alla cooperazione bilaterale. A tal fine, sia gli Stati Uniti che la Cina stanno attualmente cercando una cooperazione bilaterale in questioni sanitarie, e l’amministrazione Biden sta già lavorando con Big Tech per adottare il sistema di codice sanitario cinese e un passaporto vaccinale nazionale , possibilmente utilizzando codici QR come la Cina o qualcosa di più semplice come un segno di spunta verde per lo stato della vaccinazione.

Altri paesi stanno seguendo l’esempio. Israele per primo vuole essere il primo paese a firmare un accordo sul riconoscimento reciproco dei vaccini con la Cina , secondo l’ambasciatore israeliano in Cina Irit Ben-Abba . Israele aveva anche lanciato un passaporto vaccinale “green pass” per garantire ai suoi cittadini il diritto di visitare luoghi pubblici come cinema e stadi, e ha raggiunto accordi con Grecia e Cipro per consentire ai titolari di “green card” di viaggiare liberamente senza essere messi in quarantena. E poiché più paesi firmano accordi bilaterali basati sul modello cinese, il passaporto vaccinale cinese e lo standard del sistema sanitario possono finalmente essere internazionalizzati.

Tuttavia, mentre altri paesi iniziano a imporre il modello di passaporto vaccinale cinese come criterio per riaprire le loro economie, permangono preoccupazioni per la privacy individuale e la sicurezza dei dati.

Accesso ai dati, sorveglianza e privacy personale

Nel settembre 2020, la Cina aveva lanciato un’iniziativa per stabilire regole globali sulla sicurezza dei dati , che supporta la sua attuale offerta di eseguire il sistema globale di passaporti vaccinali tramite l’OMS. Tuttavia, alcuni esperti di tecnologia hanno espresso preoccupazione per le ambizioni di definizione degli standard della Cina. Secondo Nathan Picarsic di Horizon Advisory, “gli standard cinesi si sovrappongono e intende espandere la sua strategia di accesso asimmetrico ai dati”. Più tecnologia e standard tecnici sono definiti da Pechino, più i dati associati saranno soggetti alle politiche di accesso del governo cinese , come la legge sull’intelligence di Pechino che obbliga tutte le società con una connessione in Cina a condividere dati con le autorità cinesi su richiesta.

Ci sono anche preoccupazioni per la sorveglianza di massa e la violazione della privacy personale. Ad esempio, un New York Times l’analisi ha rilevato che in Cina, quando un utente concede al software sanitario l’accesso ai dati personali, una parte del programma denominata “reportInfoAndLocationToPolice” invia la posizione della persona, il nome della città e un numero di codice identificativo a un server. Negli Stati Uniti, ciò equivale ai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) che utilizzano app di Amazon e Facebook per monitorare il coronavirus e condividere le informazioni degli utenti con l’ufficio dello sceriffo locale. Inoltre, l’analisi del Times ha anche rilevato che la scansione del codice di una persona invia la posizione corrente dell’utente ai server di sistema e consente alle autorità di monitorare i movimenti delle persone nel tempo, evidenziando il delicato compromesso tra sicurezza pubblica e libertà personale.

A questo punto, è troppo presto per dire chi vincerà la guerra degli standard. Ma mentre la Cina continua ad ascendere al potere, alla ricchezza e alla potenza militare mentre gli Stati Uniti sono alle prese con l’instabilità interna e la divisione politica, potrebbe non passare molto tempo prima che il Regno di Mezzo sostituisca l’America come nuova potenza egemonica, e insieme a quel privilegio, come stand- portatore per il resto del mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...