Malta e Cipro frenano sul 5G: “prima gli studi sulla salute”

Esattamente l’opposto del Governo Conte. Accade poco oltre i confini di casa nostra. L’Europa si sta ribellando al 5G Action Plan e alla decisione del Parlamento europeo di negare qualsiasi studio preliminare sugli effetti per la popolazione irradiata. Dopo la moratoria approvata in Belgio (regione di Bruxelles) e nei cantoni svizzeri, la bocciatura in Spagna, il via libera della commissione austriaca per la ricerca scientifica e la rivolta democratica e tecnoribelle di oltre 40 Comuni d’Italia, è la volta di Cipro e Malta. La notizia è stata appena rilanciata da Rete Elettrosmog Free Italia, blog curato da Giorgio Cinciripini (vice presidente assoelettrosensibili).    

I parlamentari di Cipro chiedono uno studio sui rischi per la salute prima di autorizzare il 5G: “I legislatori giovedì hanno chiesto uno studio indipendente sui potenziali rischi per la salute del 5G prima che la tecnologia della rete cellulare sia completamente implementata. La questione è stata discussa durante una sessione congiunta dei comitati sanitari e ambientali della Camera, cui hanno partecipato anche accademici e scienziati locali. Prima di rilasciare le licenze [per lo spettro del 5G] dobbiamo prendere in considerazione la salute delle persone e le loro preoccupazioni “, ha detto in seguito ai giornalisti il ​​parlamentare di Akel Adamos Adamou. Il deputato di Diko Georgios Procopiou ha affermato che scienziati e professori universitari hanno citato una ricerca che indica l’incidenza più elevata di cancro attribuita alle radiazioni elettromagnetiche. Il preside di una scuola elementare di Engomi, Nicosia, ha affermato che tre torri di telefonia mobile convenzionali erano stati eretti a meno di 20 metri dalla sua scuola. Ha parlato di un “ammasso di cancro” nella zona.

Invece a Malta l’autorità sanitaria pubblica ha lanciato un avvertimento: il 5G è un “pericolo poco chiaro”.

Sono necessari ulteriori studi sulla salute prima che Malta introduca la tecnologia 5G, ha avvertito il Sovrintendente per la sanità pubblica. Nei commenti a Lovin Malta sulla tecnologia, la prof.ssa Charmaine Gauci ha citato l’Organizzazione mondiale della sanità e il comitato scientifico per i rischi sanitari emergenti e recentemente identificati, affermando che se l’esposizione generale della popolazione alla frequenza elettromagnetica (EMF) dovesse rimanere bassa, senza conseguenze per la salute pubblica dovrebbe essere previsto. “Dato che i dispositivi e le reti 5G sono un nuovo concetto, il potenziale aumento dell’esposizione complessiva ai campi elettromagnetici non è chiaro“, ha detto. “Alla luce dell’incertezza della potenziale esposizione dal 5G e dei possibili effetti sulla salute che ne derivano, specialmente a lungo termine, e considerando l’alto livello di urbanizzazione a Malta, il principio di precauzione che sottolinea la salute pubblica dovrebbe essere rispettato e più tempo per gli studi internazionali essere realizzato e aggiornato le linee guida dell’ICNIRP (Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti) che sono attualmente in fase di revisione.”

RIPRODUZIONE CONSENTITA, CITANDO LA FONTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...