ECCO LA LISTA DELLE CITTA’ – Sabato 15 Giugno è Stop 5G, mobilitazione nazionale unitaria: eventi in tutta Italia (da Trento a Catania, convegno a Pescara) – NOTIZIA ESCLUSIVA OASI SANA

Lotta all’elettrosmog, si mette in moto la grande catena umana per la prevenzione e la precauzione: l’alleanza italiana Stop 5G promuove le “Giornate di mobilitazione nazionale 15 e 21 Giugno 2019, nella tua città”, un doppio cartello di eventi simultanei in più zone d’Italia, pensati per rafforzare al Governo la richiesta di moratoria su tutto il Paese, fino a quando non verranno definitivamente scongiurate possibili ripercussioni nocive del 5G, da enti indipendenti studiati gli effetti socio-sanitari a medio-lungo termine delle inesplorate radiofrequenze a microonde millimetriche.

Sigla informale di rete indipendente, apartitica e trasversale di varie anime della società civile riunite nel solo intento di difendere la salute pubblica dal pericoloso wireless dell’Internet delle cose, la mobilitazione unitaria promossa dall’alleanza italiana Stop 5G è patrocinata dai medici per l’ambiente di ISDE Italia, dagli scienziati dell’Istituto Ramazzini e dai sindaci dell’Associazione Nazionale dei Piccoli Comuni d’Italia.  

STOP5G, CLICCA QUI E FIRMA SUBITO LA PETIZXIONE SU CHANGE.ORG

Si comincia Sabato 15 Giugno 2019. Il cartello del primo giorno prevede incontri informativi, assemblee, raccolta firme e banchetti, flash mob e un evento di solidarietà verso i malati di elettrosensibilità, oltre un convegno pluridisciplinare su pericoli e difesa dall’elettrosmog. Ma pure la consegna di una diffida al primo cittadino di una Smart City.

La prima mobilitazione coinvolgerà 28 tra città e piccoli centri d’Italia, da Trento e Milano fino a Lecce e Catania, passando per la provincia di Pescara, l’hinterland di Roma e il centro storico di Perugia. Agli incontri promossi dagli aderenti all’alleanza italiana Stop 5G (comitati territoriali, gruppi e associazioni civiche che in autonomia hanno definito azioni, luoghi e orari degli appuntamenti), parteciperanno anche parlamentari, sindaci, tecnici, medici e scienziati.

#STOP5G

Sabato 15 Giugno 2019

Giornata di mobilitazione nazionale unitaria

promossa dall’alleanza italiana Stop 5G

Con il patrocinio di

ISDE Italia

Istituto Ramazzini

Associazione Nazionale Piccoli Comuni d’Italia

ALBA (CUNEO) Azione informativa

BARI Flash Mob davanti la sede del Comune, consegna diffida al Sindaco (Stop 5G Bari) – anticipata al 14/6

BOLOGNA Flash Mob in zone Savena, Mazzini, San Lazzaro di Savena, Murri, raccolta firme e volantinaggio

CAORLE (VENEZIA) Flash Mob

CAGLIARI volantinaggio informativo (NO 5G Sardegna)

CATANIA Azione informativa e raccolta firme in centro (Catania senza elettrosmog Stop 5G)

CERVIA (RAVENNA) Assemblea del gruppo regionale (Stop 5G Romagna) – anticipata al 13/6

CITTA’ SANT’ANGELO (PESCARA) Convegno al Teatro Comunale (Stop 5G Abruzzo, Comitato No Antenne Pescara, Comitato No Elettrosmog, Comitato più Salute meno antenne)

DRO (TRENTO) Banchetto per la raccolta di firme (Stop 5G Trento)

FINALE LIGURE (SAVONA) Azione informativa

GIUSSAGO (PAVIA) Flash Mob e volantinaggio davanti la sede del Comune(Comitato Io Amo Giussago, Comitato Ambiente e Salute di Casarile)

LECCE Azione informativa nel centro storico (Comitato Lecce Via Cavo, Comitato Salute e Ambiente)

MACCARESE (FIUMICINO – ROMA) Volantinaggio in zona Darsena, assemblea presso la Casa della Partecipazione(Stop 5G Fiumicino)

MILANO Azione informativa con banchetto in zona centrale (Riprendiamoci il Pianeta)

MONTE PORZIO CATONE (ROMA) Banchetto e volantinaggio in Piazza del Garibaldino (Comitato di Tutela e Salvaguardia dell’Ambiente in Monte Porzio Catone)

PERUGIA Azione informativa in zona mercato al Piano di Massiano e scalette S. Ercolano e Piazza Italia

PRATO Flash Mob in tre piazze centrali della città con evento informativo (Stop 5G Prato)

REGGIO CALABRIA Azione informativa

REGGIO EMILIA Azione informativa (Stop 5G Bassa Reggiana e Mantovana, Collettivo Nonviolento Uomo e Ambiente della Bassa Reggio Emilia)

ROMA Sit-in e raccolta firme in Via Siderno, azione informativa (Comitato di quartiere Statuario Capannelle, Statutario-Capannelle Associazione no profit)

SINALUNGA (SIENA) Gazebo informativo(Sinalunga si rinnova)

VARESE Banchetto informativo e Flash Mob ai Giardini Estensi (Drizza le Antenne)

VENOSA (POTENZA) Evento ‘una giornata da elettrosensibile’ al fianco di chi già soffre gravemente l’elettrosmog (Stop 5G Basilicata, Ge.Co. AsSIS Basilicata)

VERONA Flash Mobdavanti la sede del Comune

VOGHERA (PAVIA) Azione informativa

TAVERNELLE DI SOVIZZO (VICENZA) Banchetto informativo (Associazione per la prevenzione e lotta all’Elettrosmog)

TRENTO Azione informativa al Centro Civico Oltrefersina

TRIESTE banchetto informativo Viale XX Settembre angolo Via Brunner (Stop 5G Trieste)

Come nel resto d’Europa e del mondo – afferma Maurizio Martucci, portavoce dell’alleanza italiana Stop 5Gi cittadini manifestano pubblicamente e con spirito democratico le legittime preoccupazioni per l’avanzata di una tecnologia altamente rischiosa che, a detta di ampia parte della comunità medico-scientifica internazionale, lascia aperta la possibilità di effetti biologici sulla popolazione irradiata in maniera massiccia, ininterrotta e ubiquitaria. E’ la prima volta che in Italia si organizza una simile mobilitazione, simultanea in molte città dal nord al sud, isole comprese. Si tratta di un’importante risultato politico raggiunto dalla consapevolezza dei cittadini, frutto dello sforzo altruistico di volontari e di un’informazione veritiera senza conflitti d’interessi veicolata dal basso, senza il sostegno di Governo e grandi mezzi d’informazione che continuano a sminuire il lato oscuro del 5G, nascondendo un’evidenza ormai schiacciante”.

Dopo le oltre 1.000 persone scese in piazza in Svizzera, le 30 città mobilitate in America, i cortei in India, i cartelli e gli striscioni esposti in Germania, Inghilterra, Polonia e Israele, adesso è la volta dell’Italia. “Rivendichiamo un sacrosanto diritto costituzionale per la difesa della salute di tutti, nessuno escluso conclude Martucci, che il sabato sarà relatore nel convegno pescarese di Città Sant’Angelo– le due petizioni on-line hanno sinora raccolto più di 26.000 firme, ci sono 60 istituzioni italiane tra Regioni, Province e Comuni in cui si è palesato un indirizzo di cautela per la moratoria. Non si può più continuare a far finta di nulla. La tutela dell’ambiente e della vita di ognuno è la priorità assoluta per un futuro sostenibile. Non è più derogabile né procrastinabile, l’emergenza 5G è adesso!

La replica è già fissata nella seconda giornata di mobilitazione nazionale unitaria. Altre città si attiveranno Venerdì 21 Giugno 2019: un grande convegno si terrà nella Smart City de L’Aquila.

RIPRODUZIONE CONSENTITA, CITANDO LA FONTE

Annunci

Un commento

  1. NO 5G perché altrimenti entro brevissimi tempi verranno sterminati tutti gli esseri viventi. Non si possono abbattere gli alberi sani per far spazio alle antenne che cuoceranno i nostri cervelli e faranno crescere a dismisura tumori al cuore. Non ci interessa avere cellulari sempre più avanzati, scaricare film in tempi brevi o che gli elettrodomestici parlino tra di loro. Vogliamo solo vivere una vita sana. .

    "Mi piace"

Rispondi a Antonella Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...