“Negli anni ’70 gli 007 americani bloccarono la ricerca sui rischi dell’elettrosmog. Prove schiaccianti” – QUELLO CHE I MEDICI NON TI DICONO

“Miriamo a portare ai nostri lettori ricerche leader a livello mondiale e notizie rivoluzionarie. Il nostro segno distintivo è la ricerca approfondita e le informazioni ottenute a fatica di una qualità che può cambiare la vita in meglio.” si presenta così la rivista americana What Doctors Don’t Tell You (Quello che i medici non ti dicono), un bimestrale di Las Vegas specializzato in notizie sanitarie che nell’ultimo numero di Gennaio 2021 a firma di Buster Manston, direttore della londinese Bright Ideas Marketing & Design, pubblica una robusta disamina sull’asserita e presunta non nocività di 5G, Wi-Fi e radiofrequenze onde non ionizzanti: “COME LA CIA HA BLOCCATO LA RICERCA CHE MOSTRAVA I RISCHI PER LA SALUTE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI“, il titolo dell’articolo che, in parte, OASI SANA riprende dal sito della rivista statunitense secondo cui già negli anni ’70 del secolo scorso la ricerca aveva dimostrato l’elettrosensibilità, cioé la malattia da onde radio.

Nel numero di Febbraio dello scorso anno, Quello che i medici non ti dicono aveva già dedicato una copertina e un focus sui pericoli del 5G, fornendo una guida di autoprotezione dal wireless.

CLICCA QUI – LEGGI TUTTA L’INTERVISTA

“La ricerca dell’ex Unione Sovietica che mostrava i danni causati dalle radiazioni EMF è stata bloccata dall’agenzia governativa degli Stati Uniti per 35 anni, proprio quando l’industria della telefonia mobile stava iniziando.

Le principali ricerche che hanno dimostrato che le onde radio, una forma di radiazione del campo elettromagnetico (EMF), potevano penetrare nella pelle, modificare i processi biologici e influenzare gli organi, sono state mantenute classificate dalla CIA (Central Intelligence Agency) degli Stati Uniti per un massimo di 50 anni.

Per tutti gli anni ’70, scienziati negli Stati Uniti e nell’ex Unione Sovietica comunista stavano studiando gli effetti dannosi delle radiazioni, che, all’epoca, erano principalmente generate dalle trasmissioni radiofoniche e televisive, ma che presto sarebbero state Tecnologie Wi-Fi.

USA, summit 5G CRISIS: svelato un rapporto CIA sui danni da 5G. “Massicci effetti biologici”

La maggior parte della ricerca ha valutato l’impatto delle radiazioni sugli animali da laboratorio e pochi studi, se del caso, sono stati in grado di includere persone. I critici hanno sostenuto che i risultati sugli animali non possono essere estrapolati agli esseri umani, la cui pelle è diversa e meno assorbente e i cui organi possono essere protetti meglio.

La maggior parte della ricerca è stata condotta quando la nascente industria della telefonia mobile stava iniziando a emergere. Un prototipo del primo telefono cellulare è stato testato nel 1973 e la prima rete mobile commerciale al mondo è stata lanciata in Giappone nel 1979.

Da allora, l’industria mondiale dei dispositivi mobili è esplosa, generando ricavi globali per oltre 1 trilione di dollari nel 2020 e ha salvaguardato tali entrate sostenendo che la sua tecnologia è sicura e, nel peggiore dei casi, provoca lieve irritazione cutanea e possibilmente cataratta.

È sicuro?

Le prime ricerche stavano dimostrando che le radiazioni EMF non sono sicure, almeno non per gli animali. In uno dei documenti classificati preparati nel 1977, il fisico russo NP Zalyubovskaya ha dimostrato che le onde radio stavano causando “alterazioni strutturali” alla pelle e agli organi interni e modificando il sangue e il midollo osseo in test su ratti e topi di laboratorio.

A differenza di altri ricercatori, stava testando gli effetti delle onde millimetriche, che utilizzano frequenze da 30 a 300 GHz. Questa è la larghezza di banda sfruttata dalla rete 5G superveloce, che viene implementata in tutto il mondo e fornirà tecnologie informatiche avanzate come l’intelligenza artificiale (AI).

Zalyubovskaya cita anche altri ricercatori che avevano dimostrato solo anni prima che la radiazione EMF a frequenze più basse modifica la funzione dei sistemi nervoso e cardiovascolare. Credeva che l’aumento della tecnologia delle onde radio stesse causando una nuova malattia che ha descritto come “malattia delle onde radio” ma che oggi è meglio conosciuta come elettrosensibilità.

Ma se gli studi sugli animali possono essere così facilmente scontati, di cosa si preoccupava la CIA, chiede Aristides Tsatsakis, tossicologo dell’Università di Creta, in una revisione scientifica dei noti effetti negativi della tecnologia 5G.

Scrive: “Quali preoccupazioni per la sicurezza nazionale hanno indotto le autorità statunitensi a classificare questi documenti per 35 anni? Altri documenti con risultati simili furono pubblicati in URSS (e negli Stati Uniti) in quel momento, o anche prima, ma molti non videro mai la luce “.

Non così sbagliato

I successivi tentativi di alzare la bandiera di avvertimento sono stati rapidamente screditati. Nel 2000, il fisico Bill Curry ha preparato un rapporto fondamentale che concludeva che le radiazioni EMF potevano penetrare nel cervello e aumentare il rischio di tumori cerebrali noti come gliomi. Più alta è la frequenza – e il punto di svolta sembrava essere nelle larghezze di banda utilizzate per Wi-Fi e reti di computer – maggiore è la penetrazione nel tessuto cerebrale, ha detto.

Ma ha sbagliato le cifre, hanno ribattuto altri scienziati. Infatti, maggiore è la frequenza, più debole diventa il segnale. Il Curry non aveva tenuto conto della natura protettiva della nostra pelle, che funge da barriera contro le frequenze più alte, ha detto Christopher Collins della New York University.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità concordò a malincuore con Curry e classificò i campi elettromagnetici come “possibilmente cancerogeni” o cancerogeni, ma li collocò nella stessa categoria delle verdure in salamoia, rendendoli ancora meno cancerogeni della carne rossa o del caffè.

Dimostrare la conclusione di Curry è stato difficile, soprattutto perché la maggior parte della ricerca sulla sicurezza mobile è finanziata dall’industria, ma altre ricerche prodotte negli ultimi mesi sembrano più definitive.

In una revisione, i ricercatori hanno stabilito che le radiazioni dei telefoni cellulari stanno uccidendo la popolazione di insetti ed è responsabile del recente declino delle api. I campi elettromagnetici interferiscono con i sistemi di navigazione degli insetti, come molti studi hanno già determinato, ma i ricercatori hanno anche scoperto che le radiazioni disturbano il loro sistema immunitario.

Le prove sono schiaccianti, afferma la Nature and Biodiversity Conservation Union (NABU), che ha scoperto che 72 articoli scientifici su 83 esaminati avevano concluso che le radiazioni avevano un impatto dannoso sugli insetti, in particolare api, vespe e mosche.

Le radiazioni dei dispositivi mobili e del Wi-Fi stanno causando i danni maggiori. Innesca una reazione biochimica a catena negli insetti che interrompe i loro ritmi circadiani e il loro sistema immunitario. Inoltre interrompe la loro capacità di navigare perché interferisce con i campi magnetici su cui fanno affidamento gli insetti.

Il sindacato, con sede in Germania, è pessimista sul fatto che qualcosa cambierà. “Interferisce con le nostre abitudini quotidiane e ci sono potenti interessi economici dietro la tecnologia delle comunicazioni mobili”, ha affermato Johannes Enssle, presidente regionale della NABU.

In effetti, è probabile che il problema si aggravi con l’introduzione della tecnologia 5G, che è circa cento volte più potente del 4G e delle reti precedenti che erano state monitorate per gli studi che NABU aveva esaminato.

Parlamento di Bruxelles, dossier sul 5G degli EuroVerdi: “legati a militari e lobby industria chi non difende la salute pubblica”

Case provato?

I casi di glioma, il tipo di cancro al cervello associato all’uso intensivo di telefoni cellulari, sono aumentati negli Stati Uniti, nel Regno Unito, nei Paesi Bassi e in Australia, afferma il gruppo di pressione PHIRE (Physicians ‘Health Initiative for Radiation and Environment), che rappresenta circa 3.500 medici.

Sebbene la correlazione non possa provare il nesso di causalità, PHIRE afferma in una nuova dichiarazione di consenso che ora ci sono prove sufficienti per dimostrare che le radiazioni EMF stanno causando una vasta gamma di problemi di salute, dall’Alzheimer e le malattie cardiache all’infertilità, ed è tempo che i regolatori proteggano il pubblico.

È una visione ripresa da un altro gruppo di pressione, l‘Appello 5G, che rappresenta più di 230 medici e scienziati. Nel suo position paper, gli autori dell’appello puntano al più grande studio al mondo sugli effetti delle radiazioni EMF, il National Toxicology Program degli Stati Uniti, che ha mostrato aumenti statisticamente significativi nei casi di cancro al cervello e al cuore negli animali esposti a livelli di radiazioni ben al di sotto delle soglie di sicurezza. stabilito dall’ICNIRP (Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti,).

Forse non esiste ancora una prova assoluta che le radiazioni EMF causino tumori e altri problemi di salute nelle persone, ma c’è sicuramente abbastanza ricerca per suggerire che è necessario adottare un approccio più cauto, soprattutto perché la nuova rete 5G è pronta per il lancio. Questo approccio, noto come principio di precauzione, è al centro del diritto europeo ed è stato utilizzato anche in Giappone e dalla città di San Francisco.

Affida a coloro che sviluppano una nuova tecnologia o innovazione l’onere di dimostrare la sua sicurezza per l’uomo, le altre specie e l’ambiente. Il solo studio NABU suggerisce che il principio deve essere applicato, poiché ci sono prove evidenti che le radiazioni EMF stanno spazzando via la popolazione di insetti.

Ma con così tanti soldi che passano di mano per le licenze 5G – 28 fornitori hanno pagato 7,5 miliardi di dollari negli Stati Uniti e quasi 2 miliardi di sterline sono stati pagati alle autorità di regolamentazione del Regno Unito – non aspettatevi che il principio venga esercitato presto. Come sempre, il denaro viene prima delle persone e della loro salute.

L’inchiesta che riscrive la storia: i soldi del 5G influenzano Governo, scienziati e stampa

Non scientifico e conflittuale

Le autorità di regolamentazione della salute si rivolgono all’agenzia tedesca, ICNIRP (Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti), per stabilire livelli sicuri di esposizione alle radiazioni EMF.

L’Unione Europea ha recentemente annunciato che fisserà i livelli di sicurezza per la rete 5G secondo le nuove linee guida emanate dall’ICNIRP lo scorso marzo.

Ma c’è qualcosa che non va nell’organizzazione, afferma Lennart Hardell della Environment and Cancer Research Foundation in Svezia.

Da un lato, l’ICNIRP accetta solo i risultati della ricerca che esplorano gli “effetti termici”, in altre parole, qualsiasi danno causato dal calore generato da un dispositivo mobile. Ma gli effetti non termici possono essere altrettanto significativi, sostiene, e includere gli effetti cumulativi di dispositivi mobili, reti e Wi-Fi.

La maggior parte dell’esposizione nel mondo reale è a bassa intensità ea lungo termine, e ci sono prove che questa radiazione EMF di fondo costante potrebbe causare cancro, problemi di riproduzione e danni neurologici.

Ma la preoccupazione principale è il conflitto di interessi all’interno del gruppo, afferma Hardell. Diversi membri appartengono ad altre organizzazioni che possono avere opinioni e preoccupazioni contrastanti e altri ricevono denaro direttamente o indirettamente dall’industria della telefonia mobile.

I membri hanno anche problemi a comprendere la scienza. “È straordinario che l’ICNIRP non sia informato e che la loro scrittura si basi sull’incomprensione degli articoli pubblicati con revisione paritaria”, scrive.

Anche le ultime linee guida del gruppo sono state criticate. Hardell cita uno da un gruppo di 164 scienziati, che ha detto che le nuove linee guida erano “non scientifiche, obsolete e non rappresentano una valutazione oggettiva della scienza disponibile. . . ignorano la grande quantità di scoperte scientifiche che mostrano in modo chiaro e convincente effetti dannosi a intensità ben al di sotto delle linee guida ICNIRP “.

Dossier 5G, l’inchiesta di ‘Investigate Europe’ su 9 quotidiani scopre gli altarini: salute pubblica svenduta all’industria del wireless! GUARDA IL VIDEO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...