Il Coronavirus è partito in Cina da Wuhan, tra Giochi Militari e 5G fino a 60 Ghz – PRIMA PARTE – INCHIESTA ESCLUSIVA OASI SANA

di Maurizio Martucci

Possano coloro i quali sono ancora a Wuhan superare questa sfida al più presto”. Pandora Tv rilancia una speranza per la Cina nell’inquietante reportage sulla città fantasma: strade deserte in pieno giorno, temerari  avventori ripresi con la mascherina in volto, panico tra chi non esce più di casa e dalla paura rinuncia a scrutare persino dalla propria finestra, anche perché i droni in aria sono cyber-poliziotti e nel riconoscimento facciale, come riporta un’inchiesta de Il Manifesto, l’Intelligenza artificiale è in grado di monitorare ed identificare spostamenti e trasgressori, misurando da remoto persino la temperatura corporea dei possibili ‘untori’ del virus che sta sconvolgendo il mondo. Facciamocene una ragione: il controllo sociale di massa passa anche per la sperimentazione tecnologica dell’Internet delle cose.

Centro politico, economico, finanziario, commerciale, culturale ed educativo della Cina centrale, da Wuhan l’epidemia è partita prima di allarmare, terrorizzare e uccidere anche in Italia, paralizzata nell’economia bloccata a regioni alterne, provvedimenti estremi per scongiurare una notte lunga e profonda come quella calata nel capoluogo della provincia di Hubei, epicentro del Nuovo Coronavirus: da fine 2019 al 23 febbraio 2020, la macabra conta dice 2.459 decessi e 78.618 casi certi di persone contagiate in tutto il mondo. Oltre la Cina, segnalato il virus anche in Giappone, Corea del Sud, Vietnam, Singapore, Australia, Malaysia, Thailandia, Nepal, Stati Uniti d’America, Canada, Francia, Cambogia, Sri Lanka, Germania, Finlandia, Emirati Arabi Uniti, India, Italia, Filippine, Regno Unito, Russia, Taiwan, Svezia, Spagna, Belgio, Egitto, Iran, Libano e Israele. Poco prima dello scoppio del terrore (praticamente un’anomala coincidenza in sovrapposizione col tempo stimato dell’incubazione del virus tra i 14 e i 28 giorni, considerato che il primo caso, cioé il paziente zero viene registrato a Wuhan il 2 Novembre, giusto nel periodo di incubazione), militari e atleti della gran parte di queste stesse nazioni avevano preso parte al 7 ° Military World Games, una sorta di ‘olimpiade bellica’ tenuta dal 18 Ottobre al 27 Ottobre 2019 proprio a Wahun: lì dove oggi predomina l’incubo invisibile, 9.308 concorrenti provenienti da 110 paesi hanno gareggiato in 28 diverse discipline sportive. Appena tre mesi fa.

Gli atleti italiani hanno conquistato complessivamente 5 ori, 13 argenti e 12 bronzi è ancora sul sito del nostro Ministero della Difesa L’Italia ha partecipato alla manifestazione con una delegazione di circa 200 tra atleti, staff tecnico e dirigenti accompagnatori, tra i migliori atleti militari della Difesa e della Guardia di Finanza, che si sono cimentati in 19 delle 28 discipline previste dal programma sportivo, tra cui spiccano atletica leggera, scherma, tiro con l’arco, nuoto, pentathlon militare, paracadutismo.”

CLICCA QUI – LEGGI SECONDA PARTE INCHIESTA 5G-CORONAVIRUS

Oltre i giochi delle milizie iridate, Wuhan è anche l’indiscussa capitale del 5G cinese, bande dai 2 Ghz ai 43.5 Ghz spinte fino ai limiti sperimentali di 60 Ghz, installate in poco tempo 30.000 nuove antenne wireless di quinta generazione, ovvero 3.000 Stazioni Radio Base e ben 27.000 nuove mini-antenne a microonde millimetriche per la più massiccia e grande concentrazione al mondo di 5G mai pianificata prima. Nessun’altra città al mondo come Wuhan. Motivo? Pontificare nel futuro digitale e nell’Intelligenza Artificiale i VII Giochi Mondiali Militari.

CLICCA QUI – LEGGI TERZA PARTE INCHIESTA 5G – CORONAVIRUS

I Giochi scriveranno anche un altro pagina di storia con ministri della difesa, generali militari e ufficiali militari di 42 nazioni – riportano i siti cinesi prima dell’inaugurazione – Per la prima volta verranno utilizzati anche il sistema TV 8K e VR con alimentazione 5G. Un modulo 5G all’interno dei propri televisori, permette velocità di download molto superiori per contenuti 8K e VR. TV con uno schermo ad altissima risoluzione che è anche in grado di raggiungere velocità di connessione estremamente elevate, consentendo agli utenti di scaricare contenuti di realtà virtuale e altri, ricchi di dati. La TV 5G 8K è il culmine delle reti a bassa latenza, combinate con la tecnologia TV ad altissima definizione – ha dichiarato Park Jin-hyo, Chief Technology Officer e Head of ICT R&D Center di SK Telecom – la tecnologia 5G contribuirà a trasformare il mondo degli iper media in realtà”.

E ancora, notizia di un anno fa, Febbraio 2019: “Gli operatori cinesi di telecomunicazioni e superstrade hanno concordato di lanciare il primo progetto di autostrada intelligente basato sul 5G nel paese nella provincia centrale di Hebei. La filiale Hubei di China Mobile sta pianificando posizioni per le stazioni base 5G attraverso le sezioni autostradali della provincia per eseguire test su stazioni a pedaggio intelligenti, secondo l’operatore. La superstrada intelligente basata sul 5G consentirebbe di raccogliere informazioni sul traffico in tempo reale e fare previsioni basate sui big data, secondo l’operatore di rete. Trentuno stazioni base 5G sono state costruite a Wuhan, capitale dell’Hubei, entro la fine del 2018. China Mobile prevede di spendere un miliardo di yuan (147 milioni di dollari statunitensi) quest’anno per costruire altre 2.000 stazioni nella provincia. China Telecom ha creato una rete 5G che copre aeroporti, stazioni ferroviarie e altre aree della città, che contribuirà anche a favorire la trasformazione digitale e intelligente delle industrie con tecnologie 5G, ha affermato Li Hongbo, direttore generale della filiale Hubei dell’azienda. (….)

China Mobile Hubei Branch ha attivato 1.580 stazioni base 5G in città a metà ottobre, ottenendo la copertura 5G di università, hub di trasporto e altre aree densamente popolate, secondo la filiale. Il 6 agosto, la prima mostra sulla tecnologia 5G di Hubei è stata presentata al Museo della Scienza e della Tecnologia di Wuhan, nella capitale della provincia di Hubei, Wuhan. La mostra dovrebbe durare fino all’inizio di settembre. La mostra integra l’esperienza con la divulgazione della scienza. I visitatori sono accessibili a videochiamate 5G per cellulari, occhiali VR, trattamenti medici AR, robot 5G, guida virtuale, giochi cloud e altre applicazioni all’avanguardia 5G. (….) Yiwu, segretario generale dell’Istituto provinciale per le comunicazioni di Hubei, ha sottolineato che Hubei aveva costruito 4.993 stazioni base 5G entro la fine di luglio, al terzo posto in Cina, dopo Guangdong e Pechino. Nel 2021, Hubei avrebbe costruito 50.000 stazioni base 5G per prendere il comando nel paese. I terminali 5G saranno lanciati ufficialmente a Wuhan da metà a fine agosto. E gli utenti possono sperimentare applicazioni 5G nell’area di copertura, come i luoghi e il villaggio del 7 ° Military World Games.” Quindi, in nome del 5G la provincia di Hubei e la città di Wuhan trasformate in veri e propri maxi-forni a microonde a cielo aperto, irradiate h24 fino alle radiofrequenze a 60 Ghz. Con quali conseguenze sull’essere umano? Intanto su Youtube gira un video che mostra migliaia di uccelli impazziti: dove? A Wugan!

1) FINE PRIMA PARTE – CONTINUA CLICCA QUI – LEGGI SECONDA PARTE

RIPRODUZIONE CONSENTITA, CITANDO AUTORE E FONTE

Un commento

  1. Ridolf Steiner, scienziato e filosofo austriaco, lo aveva previsto un secolo fa dicendo che i virus sono ” cellule vomitate” da corpi intossicati da elettromagnetismo…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...